Questo Blob non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Le immagini inserite in questo Forum sono tratte in massima parte da Internet, così come alcuni articoli. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarcelo e saranno subito rimossi.

REGOLE PER OTTENERE LA RECENSIONE DEL TUO LIBRO SU QUESTO BLOG

martedì 31 gennaio 2012

Linee di Nazca

Nel deserto di Nazca, un altopiano arido che si estende per circa 50 Km tra le città di Nazca e di Palpa, nel Perù meridionale, si riscontra uno dei misteri più belli ed affascinanti del pianeta: le famose Linee di Nazca.
Le linee, più di 13.000,  vanno a formare più di 800 disegni, tutti animali stilizzati molto comuni in quella zona, i più famosi sono:

•    La balena,
•    Il pappagallo,
•    La lucertola lunga più di 180 metri,
•    Il colibrì,
•    Il condor,
•    L'enorme ragno lungo circa 45 metri.

 Il quella zona, il suolo del deserto, è costituito da pietre ricche di ossido di ferro che conferiscono all'ambiente il classico colore rossiccio. Le linee sono state create asportando lo strato superficiale ricco di ossido di ferro e lasciando scoperto il terriccio sottostante, molto più chiaro.
Come hanno fatto queste linee create tra il 300 a.C. ed il 500 d.C ad arrivare intatte fino ad oggi senza essere ricoperte di terra o altro?
Il suolo ha la caratteristica di assorbire e rilasciare molto calore, questo crea una zona di aria calda che come ben noto si innalza verso l'alto proteggendo  il suolo stesso dal vento.
La datazione è molto approssimativa in quanto la composizione del suolo non garantisce buoni risultati con l'esame del Carbonio 14, gli studiosi hanno così deciso di confrontare i disegni della zona con quelli ritrovati sul vasellame delle antiche civiltà originarie del luogo.
Molti sono stati gli studiosi che hanno cercato si spiegare questo grande mistero, tra le tante ipotesi vi è quella che  vuole le linee come sentieri cerimoniali e quella che vede l'intera zona come un antica località di culto.
L'archeologa tedesca Maria Reiche suppose che le linee avessero un significato astronomico.
Per la studiosa, ad esempio, la figura della Scimmia altri non era che l'Orsa Maggiore, il Delfino e il Ragno erano invece identificati con la Costellazione di Orione ecc.
Lo zoologo Tony Morrison giunse ad un altra affascinante interpretazione, secondo i suoi studi, che si avvalevano anche dell'interpretazione di alcuni antichi manoscritti, i disegni rappresentavano il segnale che avrebbe permesso il ritorno del leggendario eroe-maestro Viracocha, noto anche come Quetzalcoatl e Kontiki, un Dio degli antichi Indios che secondo le leggende sarebbe ritornato scendendo dal cielo.

Le linee di Nazca sono geometricamente perfette, questo ha fatto sorgere non poche domande sulle tecniche utilizzate per la loro creazione.
L'ipotesi più plausibile è quella che le vede realizzate grazie all'ausilio di disegni ricreati in scala e corde per tracciare linee perfette.
Le linee, appena create, dovevano essere di un giallo brillante e ben visibili dalle colline circostanti, in questo modo gli antichi artisti avrebbero potuto controllare costantemente le proprie creazioni.

In tutti i casi queste linee rappresentano uno dei capolavori più importanti prodotti dall'umanità.

Articolo scritto da Contino Mario
Articolo protetto da Copyright, vietata ogni forma di riproduzione non autorizzata

venerdì 27 gennaio 2012

Calendario 2012 Universo del Mistero

Ho pensato di realizzare questo calendario per sponsorizzare il forum e per indurre curiosità a quanti decideranno di scaricarlo e leggerlo, spero possa piacervi.

Questa è un anteprima a bassa risoluzione del calendario:

Questo è download del files in PDF da portare in tipografia, è in formato A\4 e dotato dei rifili per il margine a vivo.
Consiglio di stamparlo su carta patinata lucida da almeno 250gr, impaginare il calendario con una spiralatura sulla parte superiore.
Articolo ed oggetto protetto da Copyright, vietata ogni forma di riproduzione non autorizzata
Contino Mario

venerdì 20 gennaio 2012

S&P e un po' di complottismo dietrologico

" Tobin Tax"....ne avete sentito parlare? In due parole, una tassa sulle transazioni finanziarie non "interstati". Con infinite possibili modalità...spesso suggerita, ma mai messa in pratica.
E' una tassa che colpisce la "Grande Finanza", toccandola nel suo "Mestiere"....il "Monopoli" a scala Mondiale.
Ed é una tassa che tocca "loro"....non come la TVA che si....scarica a valle, per esempio.
Quindi, ogni volta che "riesce fuori"....subito una canea si scatena, per dire che é inutile, ingiusta, negativa, letale per l'economia etc etc etc....per inciso, tasse sui precari, cassintegrati, pensionati al minimo, pane, latte....sono buone, giuste, utili a tutti, piacevoli ed addirittura divertenti.......
Cio' premesso....un rompi che si chiama sarko, stufo di pagare i cocci rotti a causa delle prodezze della finanza angloamericana...ha ritirato fuori la storia....e la vuole introdurre. Naturalmente con l'opposizione più o meno decisa di tutti....dura del cane da guardia inglese, più o meno molle e tremebonda di Monti, Merkel e compagnia bella. Ora viene il bello.....il complottismo dietrologico.....
Ogni volta che Sarko ne parla...economist e affini cominciano a dire che la AAA della Francia potrebbe essere in dubbio.....E poco tempo fa (verificate le date e vi divertite) Sarko ha detto alla Merkel che la Francia va. Da sola, se é il caso, ma va. Tipicamente Francese e Sarko. La merkel...é tirata per i capelli e chiede tempo, Monti dice OK....
Bon.....Il braccio armato agisce....S&P "bacchetta".....e per non farla troppo sporca mette insieme alla francia e all'italia anche qualche poveretto come l'Austria.....
Il tutto nel quadro di una Guerra Mondiale.
Infatti, ogni Guerra (Mondiale o meno) si é fatta per il dominio di certe risorse...dal pepe al petrolio, passando per il grano ed il carbone. Ed ora la risorsa più importante é il CREDITO. Non il "denaro", mezzo di scambio, ma "la possibilità di acquistarlo a buon prezzo".....il credito, appunto. E qui, il gioco delle famose Agenzie....I contendenti? Gli Anglosassoni (causa prima di tutte le nostre sciagure finanziarie degli ultimi 10 anni) e la vecchia Europa....Indebolita da euroburocrati, parlamenti, commissione etc...Ma EUROPA. Certo, anticipo l'obbiezione, il debito pubblico sono gli Stati che l'hanno fatto. E' vero. Ma quanto gioca nel debito pubblico l'onere finanziario del debito stesso? E guardate le cose da un altro angolo.....da ....."dietro"
Voilà, dietrologo cospirazionista e complottista new look....Chi l'avrebbe mai detto?

Scritto da "Behemoth"

PER APPROFONDIRE CLICCA QUI

giovedì 12 gennaio 2012

K2 EMF meter, il perchè dell' uso nell'ghost hunting.

Quest'articolo sarà il primo di una serie e servirà a chiarire le idee ai quanti si chiedono a cosa servono realmente tutti quegli strumenti che spesso si vedono nelle indagini di ghost hunting.
Il famoso K2 EMF meter è forse il più noto di tutti, tutti noi sappiamo che in realtà misura i campi elettromagnetici a basse frequenze, esprimendo i valori in milliGAUS (mG).
Cosa centra dunque questo strumento con i "fantasmi"?
Andiamo con ordine e cerchiamo di capire da dove nasce l'idea di utilizzare questo prezioso strumento.
K2 EMF meter
La sua utilità sta nell'immediata lettura, tramite led luminosi, dei valori rilevati.
Questi valori partono da 1.5 mG, a più di 20 mG, il tutto ben evidenziato su una scala cromatica che va dal verde chiaro al rosso.
Da quando è nata la tecnologia, parlo di lampade elettriche ad incandescenza, le prime radio, poi le televisioni ecc.. un bell'arco di tempo, i fenomeni di incontri con i presunti "fantasmi" hanno mutato le loro caratteristiche.
Molti parlavano, e parlano tutt'ora, di lampadine che funzionano ad intermittenza o scoppiano, interferenze radio o delle TV e tante altre piccole interferenze che lasciano pensare ad improvvisa concentrazione di campo elettromagnetico.
Da queste osservazioni e da una ricerca antologica sulle stesse, sono nate diverse teorie sulla natura dei Fantasmi e sul loro modo di interagire con l'ambiente circostante.
I campi elettromagnetici sono di due tipi, naturali o prodotti dall'attività umana, ossia da apparecchiature elettriche create dall'uomo, questi rimangono presenti anche quando le apparecchiature elettriche sono spente, specie se ancora collegate alla fonte elettrica.
I campi prodotti in modo naturale dalla terra sono quasi sempre di natura statica, anche determinate turbolenze d'aria o attività atmosferiche possono produrli.
Ma come si collegano allora i fantasmi ai campi elettromagnetici?
Parlando di fantasmi in realtà parliamo della nostra coscienza che sopravvive alla morte,quindi in pratica la nostra mente. Il professore McFadden della Scuola di Scienze Biomediche e della Vita docente presso l'Università di Surrey in Gran Bretagna afferma che la coscienza della nostra mente è un campo elettromagnetico.
Egli  scoprì che ogni volta che un nervo funziona, l'attività elettrica invia un segnale al campo elettromagnetico del cervello, In rete potete trovare vari articoli che spiegano in modo approfondito gli studi e le scoperte del  professore McFadden, io ho riassunto i punti salienti legati alle teorie del ghost hunting.
Quindi un Fantasma è in realtà un campo elettromagnetico, ossia coscienza la cui stessa natura è il campo elettromagnetico del cervello che sopravvive alla morte del corpo fisico.
Detto ciò credo che sia chiaro il perchè dell'utilizzo del K2, per individuare proprio la natura stessa del fantasma, il suo campo elettromagnetico.
Ovviamente per un corretto utilizzo dello strumento, bisognerebbe accertarsi che il sito sia isolato da campi elettromagnetici di origine umana e che non sia posto in un ambiente naturale i cui campi elettromagnetici prodotti in natura interferiscono con l'indagine stessa.
Articolo protetto da Copyright, vietata ogni forma di riproduzione non autorizzata
Articolo di Contino Mario

PER APPROFONDIRE CLICCA QUI

 


martedì 10 gennaio 2012

Uomini di scienza o scienziati?


Quando frequentavo le scuole medie, una delle materie che mi piacevano di più era l’ora di scienze, sapere come va il mondo, il sistema solare e tutte quelle scoperte geniali fatte da uomini incredibili che, semplicemente guardandosi attorno, si riempivano la testa di domande del tipo: ma come è possibile questo, ma come funzionerà quest’altro, perchè questa cosa è così e chissà se questa cosa sarà cosà, insomma, vere fissazioni e curiosità che hanno spinto persone ritenute in un primo momento visionarie, a trovare invece risposte concrete e per noi risultate fondamentali. Del resto se andiamo a rinvangare il passato, potremo notare come la curiosità dell’uomo, il suo ingegno e la sua determinazione a trovare risposte a scapito di tutto e di tutti, abbiano contribuito in modo decisivo all’evoluzione dello stesso.
Spinto e cresciuto con l’idea che il mondo aveva ancora molte cose da svelare, ho continuato i miei studi nel ramo scientifico.
Oggi la vità mi ha messo a percorrere altre strade, del resto i sogni di un bambino difficilmente trovano compimento nella realtà quotidiana, ma la mia sete di conoscienza e di ricerca verso ciò che ancora è ignoto non mi hanno abbandonato, anzi, ora più che mai, grazie ai grandi passi avanti della tecnologia, abbiamo innumerevoli strumenti per affrontare nel miglior modo possibile nuove sfide, ma allora perchè ho la sensazione che gli scienziati stiano divenendo una razza in via di estinzione?
Al giorno d’oggi chiunque esca da un’università con il titolo di studio di Dottore in una materia scientifica si definisce ovviamente uomo di scienza, ma si può definire scienziato? Non so se avete fatto caso a quante persone che si definiscono scienziati, in televisione, in radio, sui giornali o con le quali ci imbattiamo in una conversazione faccia a faccia, se viene toccato il discorso dell’ignoto o del mistero o di qualsiasi altra cosa della quale ancora non si riesce a dare una spiegazione, invece di essere stimolati dall’argomento, lo troncano subito affermando che tutto ciò che non è tangibile e  ricreabile e, che soprattutto le scienza non riesce a dimostrare, semplicemente non può esistere. Queste, secondo loro, sono le regole dettate da Galileo per definire una scoperta scientifica, ma proprio su questo punto nasce, secondo la mia modesta opinione, un grande paradosso. Un uomo di scienza vive con delle regole che altri hanno svelato e su queste regole, imparate dopo anni di studio, fonda le sue conoscienze ed il suo lavoro. Non ammette nuove teorie che possano minare ciò che per lui è incontovertibile, ciò che per lui è la sola realtà possibile, ogni altra spiegazione o nuova verità la reputa ridicola o addirittura blasfema, ma chi ha sempre usato questa mentalità? Immaginate di essere al posto di Galileo e di porvi una serie di domende del tipo: ma dove andrà a finire il sole nel tempo che trascorre dal momento in cui tramonta, sparendo completamente dalla nostra vista, fino a quando lo si scorge nuovamente alle prime luci dell’alba? Ed immaginate che vi arrivi un’intuizione e su questa basate una serie di ricerche. Immaginate ora di non aver trovato ancora una risposta definitiva, ma di sottoporre questa vostra teoria a quelli che in quel tempo erano i depositari delle conoscienze scientifiche, questi cosa vi avrebbero risposto? Esattamente quello che vi direbbe al giorno d’oggi un uomo che si definisce di scienza, che sono solo delle assurde fantasie, che è da sempre dimostrato che la terra è piatta e che se per voi è invece tonda siete da mettere al rogo. Infatti questo è un ragionamento da inquisizione, le cose sono solo quelle che diciamo noi e che per secoli sono state tramandate, tutto è stato già chiarito. Fortunatamente Galileo era uno scienziato e non semplicemente un uomo di scienza. Lo scienziato ha una curiosità, un’idea, l’impressione che le cose possono essere diverse da come gli vengono proposte e cerca il modo di dimostrarlo.
Oggi si vogliono subito delle risposte, senza dare il tempo di sperimentare e cercare. Se la scienza non lo riesce a dimostrare, allora non esiste, ma non vi suona un tantinello arrogante?  Sicuramente la scuola di San Tommaso ha un numero di adepti elevato, quindi se non vedono non credono, ed è anche giusto, ma dire che se non è ricreabile e tangibile non esiste è forse un pochino esagerato, anche perchè gli scienziati, quelli veri, cercano cose che per molti non esistono o sono impossibili da trovare e da ricostruire. Un esempio lampante è il mare di sonvezionamenti fatti verso la ricerca dell’antimateria. Già dal nome bisognerebbe arrendersi, perchè se non è materià che cosè? Secondo gli uomini di scienza a questo punto dovrebbe essere una cosa che semplicemente non esiste, visto che non è tangibile ne tantomeno riproducibile, ma allora perchè benemeriti scienziati sono convinti che esista? Non va contro il loro modo di concepire le cose? No, perchè sono scienziati e non semplici uomini di scienza, non si limitano ad accettare solo quello che hanno studiato, ma lo mettono in campo per cercare di rispondere ad altre domande, a trovare risposte ad interrogativi che sembrano più realisticamente e semplicemente non averne, sono ricercatori della verità nascosta dietro la tenda dell’ignoto, e cercano con tutte le loro forse di spostarla quel tanto che basta per scorgervi uno spiraglio in più di conoscienza, sono dei pazzi visionari che cercano di porsi delle domande che vanno oltre le loro conoscienze, infatti il vero scienziato non è semplicemente colui che trova le risposte, ma quello che sa porsi le domande, tutti gli altri invece, o la stragrande maggioranza di loro, sono solo studiosi di scienza che si fermano li, dove il punto fa finire l’ultima riga, dell’ultimo paragrafo, dell’ultimo libro sul quale hanno studiato, senza scrivere pagine nuove, limitandosi a vivere di rendita sulle scoperte altrui. Sono i nuovi inquisitori, inibitori della curiosità, difensori di tutto ciò che la scienza ha fin’ora dimostrato e discriminatori di qualsiasi teoria che la scienza non sappia dimostrare, uomini di scienza che non hanno niente a che vedere con gli ideali di chi la scienza la fa e non si limita a saperla. Avanti e grazie quindi ai RICERCATORI di quello che potrebbe essere e non a chi è semplice divulgatore e CONSERVATORE di solo quello che già è.

Articolo di PAOLO PULCINI (GIAP Gruppo Investigativo Attività Paranormali

Il "vero" CICAP

Troppo pregiudizio sta nascendo nei confronti del CICAP, probabilmente a causa di qualche individuo che cercando di spacciarsi per il noto gruppo finisce con insultare il prossimo e l'altrui opinione.
Ma non bisogna mai generalizzare, ormai sapete che questo blog garantisce il massimo rispetto a tutti coloro che per le loro azioni oneste lo meritano.

Da Wikipedia:
"Il CICAP o Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sul Paranormale è un'organizzazione educativa e senza fini di lucro, fondata nel 1989 per promuovere un'indagine scientifica e critica sul paranormale.
Fa parte dell'European Council of Skeptical Organizations (ECSO), un organismo internazionale che raccoglie numerose associazioni scettiche."

Si deduce quindi che il CICAP ha un nobile scopo, ossia quello di indagare e cercare una spiegazione razionale a determinati eventi che oggi sono definiti "Paranormali".
Non sicuro del vero scopo del gruppo sono passato a leggerne gli obiettivi, probabilmente esperienze negative sui social network mi portano ad essere molto scettico.

Sempre da Wikipedia:
"Gli obiettivi del CICAP sono indagare sull'autenticità dei "misteri" e presunti fenomeni paranormali annunciati dai mass media e diffondere i risultati di queste indagini attraverso incontri, conferenze e pubblicazioni.
Attraverso quest'opera di informazione il CICAP si propone di favorire la diffusione del metodo scientifico e dello spirito critico, ovvero di svolgere un'opera di educazione alla razionalità."

Quindi avevo ragione, fortunatamente gli obiettivi di questa istituzione sono veramente nobili, in poche parole ricercare quanto c'è di vero nei vari fenomeni definiti "paranormali" e cercare di trovare una spiegazione razionale agli stessi.
Sarebbe veramente bello se ciò che oggi viene definito "paranormale", potesse rientrare semplicemente sotto l'aggettivo "normale", In Passato i fulmini erano lanciati dagli Dei, erano un fenomeno paranormale, poi grazie alla scienza si è scoperta la loro origine ed oggi sono classificati semplicemente come normali e spettacolari eventi naturali.
Piero Angela,  fondatore del CICAP
Magari, e non credo di esagerare, ciò che oggi chiamiamo fantasma, un giorno sarà semplicemente classificato come un qualcosa di naturale ed affascinante, un giorno in cui sarà scoperta dalla scienza la vera natura del fenomeno.
Si, in sintesi il CICAP svolge veramente un compito autorevole e credo sia il primo a dissociarsi da suoi presunti sostenitori che perdono tempo ad istigare liti sui social network ed insultare quanti credono nell'esistenza dei fenomeni paranormali, questi non fanno altro che cattiva pubblicità al gruppo facendone perdere autorevolezza e credibilità.

Non lasciatevi ingannare da spiacevoli situazioni dovute alla maleducazione di singoli individui, il vero CICAP, non insulterebbe mai il prossimo, resta un organizzazione scettica e razionale, ma è così che deve essere per affrontare in modo obiettivo determinate indagini.

Articolo di Contino Mario
Articolo protetto da Copyright, vietata ogni forma di riproduzione non autorizzata
PER APPROFONDIRE CLICCA QUI

Senza emozioni.


Buona giornata lettori del "reduce", oggi voglio esprimere il mio DISGUSTO verso una realtà evidente ma da molti ignorata.
Mi riferisco all'assoluto menefreghismo e alla mancanza di valori civili e morali che sempre di più attanagliano la società odierna... stiamo diventando tutti dei manichini freddi e senza emozioni.
Si accende la TV e ci si viene investiti da film ed animazioni che valorizzano l'odio e la morte come spettacolo, mi riferisco a scene di cruenta violenza che spesso vengono viste da bambini o ancor peggio da adulti che a tutto pensano tranne che a capire la trama del film, gli interessa solo la violenza che questo esplicita nelle sue scene.
La conseguenza è che tali scene diventano parte della quotidianità e che la finzione viene confusa facilmente con la realtà.. così quando nei TG si sentono notizie di cronaca come morti per guerre o incidenti... molti restano impassibili, privi di ogni sorta di sentimento.
Noi siamo esseri umani, i sentimenti sono parte di noi, ci hanno aiutato ad evolverci.. Amore, Odio, Felicità, Tristezza ecc.. sono parte di noi.. usiamoli, esplicitiamoli, dimostriamo al mondo che in noi vi è ancora un lato umano, non trasformiamoci in cloni privi di ogni sorta di valore.
Il "reduce" riesce ancora ad emozionarsi per le piccole cose della vita, per la pioggia che cade, per i movimenti del fuoco acceso in un camino, per il verso raro di un particolare animaletto notturno, per le onde del mare, per il vento che gli sfiora la pelle ecc.. ecc.. ecc.. tali meraviglie valgono un emozione.
L'amore verso chi si ama, come si fa a trattenere un simile sentimento, io stesso erroneamente ci ho provato una volta.. il risultato è stato pessimo, vomiti, tremori, pianti.... non si trattiene qualcosa di tanto immenso come l'amore, rischia di ucciderci.

Lettore.. a te chiedo oggi di aprire la tua mente, di tornare bambino almeno un pò.. e di esprimere le tue emozioni.. una lacrima o un sorriso... tutto questo ti renderà nuovamente umano.. degno di tale onorevole qualifica, chi non prova emozioni non lascerà di se alcun ricordo.. ne triste ne felice.. passerà su questo pianeta senza lasciar traccia...

Se l'immortalità esiste, appartiene a chi riesce ad esprimere i suoi sentimenti, questo resterà per sempre vivo, se pur nel cuore o nei ricordi di chi lo ha conosciuto... Le emozioni ed i sentimenti sono l'energia della vita.. forse la vita stessa... non sottovalutate mai la loro importanza.

Articolo di: Il Reduce 

APPROFONDISCI QUI

domenica 8 gennaio 2012

Scienza e "paranormale" possono dialogare?

Forse sono troppo ottimista, ma non perdo la speranza di un vero confronto tra i rappresentanti della scienza e gli esperti, o studiosi, in campo "paranormale".
Avevo scritto un articolo con il titolo: "In difesa dei ghost hunter", sperando di far dialogare i veri scienziati con chi amatorialmente cerca di scoprire se esiste un briciolo di verità in quelle che sono teorie e leggende vecchie quanto la storia stessa dell'uomo.
Ho trovato un mare di pregiudizio, una brutta bestia che è il cancro principale di questa società e che a quanto pare non risparmia proprio nessuna materia.
Ma non mi arrendo e cerco come sempre di analizzare con calma la situazione ed il clima di intolleranza che si è venuto a creare.
Tra le fila di quanti sostengono la presenza di vari fenomeni paranormali, ci sono sicuramente molti truffatori:
Falsi medium che chiedono denaro approfittando dell'ingenuità delle ignare vittime;
Santoni che sfruttano la disperazione altrui affermando di poter guarire gravi malattie;
Fattucchiere o presunte maghe che promettono di eliminare eventuali fatture o malocchi dietro lauta ricompensa, ecc ecc.
Tutti questi, mettono in cattiva luce chiunque sostenga l'esistenza di un certo fenomeno paranormale, infatti molti fanno di tutta l'erba un fascio ed a questo punto nasce il pregiudizio.
D'altra parte questa situazione porta, quanti al paranormale non credono affatto, non ad aprire dibattiti costruttivi o a cercare di razionalizzare i fenomeni con calma e comprensione ma ad attaccare la controparte spesso in modo duro, con area di superiorità intellettuale che farebbe rabbrividire tutti coloro che sempre hanno sostenuto la parità non solo legale ma effettiva tra tutti gli uomini.
Gli sbagli quindi sono da entrambe le parti, sbagliano gli appassionati del paranormale a non prendere in considerazione ciò che sostiene la scienza e sbaglia la scienza a non dare neppure il beneficio del dubbio a coloro che sostengono di avere, o avere assistito, a fenomeni paranormali.
In parole semplici, non è bello sentirsi dire: "Lei e pazza e tutto ciò che crede di aver visto e suggestione o frutto della sua malattia"... non è bello neppure sentirsi dire: "Voi scienziati non ammettete nulla perchè noi abbiamo un dono speciale ecc ecc".
Come far dialogare le due parti? sicuramente il metodo scientifico non è sempre attuabile in campo "paranormale", è infatti impossibile riprodurre un fenomeno in ambiente controllato inquanto nessun vero "medium" ha il controllo sulle situazioni paranormali che vive, gli succedono casualmente, chi dice di poter controllare tali doti è quasi certamente un bugiardo (lascio sempre il beneficio del dubbio).
Anche parlando di ghost hunting e fantasmi vale lo stesso principio, un indagine dura ore proprio perchè non si sa ne il posto preciso ne come si potrebbe manifestare un eventuale "presenza".
Se una foto risulta interessante: vi è un "anomalia", badate bene che non uso il termine fantasma, si cerca di capire se è un difetto o un vero fenomeno paranormale, poi possono esserci degli errori, un fantasma potrebbe essere in realtà un riflesso o un errore del software della fotocamera, ma non si può parlare di fotoritocchi o truffa volontaria, cosa si truffa se le indagini sono gratuite e non si ottiene alcuna ricompensa?
Sono troppo ottimista, mi ripeto, ma continuo a sperare in un clima più sereno ed in una collaborazione sincera e senza pregiudizi da entrambe le parti.
Articolo protetto da Copyright, vietata ogni forma di riproduzione non autorizzata

Articolo di Contino Mario

venerdì 6 gennaio 2012

In difesa dei ghost hunter

Sembra essere l'ultima moda del web, non parlo di new marketing ma di azioni mirate a screditare se non insultare persone e gruppi con opinioni differenti dalle nostre.
Oggi parlerò dei Ghost Hunter e di come tra mille difficoltà legate a tempi e costi gestionali si trovano a lottare anche con persone estremamente "ottuse", persone che non si limitano ad esprimere la loro opinione ma che con grande presunzione tentano di imporla agli altri, finendo di fatto con il calpestare la dignità del gruppo preso di mira.
Chi sono i Ghost Hunter e cosa fanno per essere sempre sotto costante attacco?
Noto team di Ghost Hunter

Non sono maghi, non sono Santi, non chiedono soldi, non infrangono la legge, non attaccano chi non crede nei fenomeni da loro studiati, sono semplicemente ricercatori amatoriali che tentano di dare una risposta ad alcune delle domande più vecchie che l'uomo si pone: esistono i fantasmi? cosa sono? c'è vita dunque dopo la morte?.
Questi ricercatori del mistero sanno che i fenomeni da loro studiati sono rari e sfuggevoli, sono eventi che raramente avvengono in modo programmato o prevedibile e dunque cercano di documentali il più possibile, così da poter dimostrare che non tutti coloro che affermano di aver visto un fantasma, o un altra presenza, siano psicopatici. 
Non bisogna confondere i Ghost Hunter con i fantascientifici Ghostbusters, mentre i secondi erano personaggi cinematografici che con futuristiche armi catturavano spettri e mostri di ogni sorta, i nostri Ghost Hunter cercano esclusivamente di registrare eventuali presenze spiritiche in un determinato luogo.
Raramente i Ghost Hunter lavorano singolarmente, solitamente sono raggruppati in team di più membri, ogn'uno con conoscenze ed attitudini specifiche: Fotografi, analizzatori audio-video; studiosi di esoterismo ecc ecc.. queste figure collaborano strettamente tra loro per cercare di ottenere un risultato concreto che dimostri l'esistenza di spettri ed affini, una foto, una registrazione video o sonora, sono la vera ed unica ricompensa per ore di appostamento ed analisi del materiale raccolto.
Il numero dei membri e dovuto anche alla solidarietà del team nel dividere le spese per acquisti di attrezzatura, pernottamenti, viaggi ecc, tutte spese che ogni membro sostiene di propria tasca, chi richiede un indagine non paga nulla, le indagini SONO GRATUITE.
L'attrezzatura ha costi piuttosto elevati, parliamo di: 
  • Fotocamere con specifici obiettivi, capaci di riprendere gli UV e gli IR; 
  • Videocamere ad infrarossi;
  • Sensori di movimento; 
  • Registratori capaci di catturare i suoni a bassissime frequenze, 
  • Rilevatori di campi elettromagnetici 
  • Illuminatori UV;
  • Software per le analisi del materiale ecc..
Bisogna poi mettere in conto un fallimento nell'indagine, spesso si sostengono i costi per viaggio e pernottamento, si passano ore ed ore a raccogliere ed analizzare materiale e non si ottiene alcun riscontro, infatti non è detto che un eventuale presenza decida di manifestarsi e farsi registrare in qualche modo, eppure i nostri ragazzi non si arrendono e sono pronti a ripartire per una nuova indagine, tutto per puro spirito di ricerca.
Mi spiace dirlo ma la società odierna è ottusa e paurosa di scoprire l'esistenza di qualcosa che difficilmente può essere controllabile, molti sono pronti a negare persino l'evidenza, se viene effettuato uno scatto particolare, o una registrazione particolare, in cui appare o si sente una presenza "paranormale", molti sono pronti ad accusare il gruppo in questione di truffa o di aver falsificato in qualche modo il materiale.
Io mi chiedo, perchè certa gente invece di accusare il prossimo trovando mille scuse ed apparendo spesso ridicola, non cerca di aprirsi a nuove teorie ed orizzonti?
Perchè presunti scienziati: fisici ecc, non collaborano suggerendo loro il metodo di ricerca migliore per cercare quantomeno di capire il fenomeno?
La risposta purtroppo è ovvia e scontata, NON SI PONGONO IL PROBLEMA, tutti sono pronti a dire che i fantasmi non esistono, eppure sono maggiori le prove a favore dell'esistenza di quelle contrarie.
Preferiscono fare come gli struzzi, mettere la testa nella sabbia e proseguire spensierati in un ignoranza sostanzialmente dovuta a mancanza di spirito di ricerca, di curiosità.
Il problema sorge quando si cerca di imporre all'altro le proprie idee, mentre i ghost hunter fanno di tutto per portare una prova a favore dell'esistenza di tali fenomeno, i signori materialisti non solo non fanno nulla per apportare prove alle loro tesi, ma si permettono di insultare il lavoro altrui, far passare per matto chi sostiene l'esistenza di taluni eventi e screditare il prossimo, questo crea un clima di incomprensione, crea un senso di oppressione a chi ritiene di aver assistito ad un fenomeno "paranormale", reca danno e limitazione a chi tenta di svolgere ricerche, seppur amatoriali, su tali fenomeni.
Spesso le loro risposte sono: è un riflesso luminoso; è un ombra prodotta artificialmente; è un fotomontaggio ecc.. FARNETICAZIONI dico io... ricordo a tutti che i Ghost hunter non ricevono una lira per la loro ricerca, ne tantomeno per un eventuale prova portata alla luce, perchè dovrebbero creare un falso? per farsi poi prendere in giro? 

Chiudo questo articolo, alcuanto polemico, con un invito personale:
  • Invito gli scettici ad avere solo un po più di fiducia, i falsi in questo campo li creano solo i ragazzini in cerca di gloria in internet e sono gli stessi ghost hunter a mettere in guardia da questi materiali fake.
  • Invito la scienza o chi ritiene di rappresentarla a non dar tutto per scontato, riscoprite il vero spirito di ricerca, cercate di collaborare, magari suggerire ai ghost hunter il modo migliore per effettuare nuove ricerche, accompagnarli sul campo ecc..
  • Invito i ghost hunter a continuare il loro lavoro di ricerca senza badare ai tanti maleducati in cerca solo di un momento di gloria, loro non rappresentano tutta la scienza, anzi credo che la mettono in ridicolo.
Ora cito uno degli articoli della nostra costituzione che ritengo più importanti: 

Art. 3 Cost. 
Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.

È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese.
 Siamo tutti uguali...
Cerchiamo tutti di collaborare e discutere pacificamente, non di attaccare ragazzi che tra mille problemi, come espresso in precedenza, tentano non di screditare ma di aiutare la scenza fornendo almeno qualche prova tangibile, e contemporaneamente tentano di aiutare chi afferma di aver assistito a tali fenomeni fornendo la prova della loro sanezza mentale.
Personalmente conosco e ringrazio per il loro lavoro i Ghost Hunter del GIAP Roma: http://www.giaproma.it/ , Continuate con le vostre straordinarie ricerche ragazzi, e non fatevi intimorire o abbattere da chi non è capace di guardare seriamente oltre il suo naso..

Articolo di Contino Mario
Articolo protetto da Copyright, vietata ogni forma di riproduzione non autorizzata
PER APPROFONDIRE CLICCA QUI

lunedì 2 gennaio 2012

Entità minori più note

In questo Articolo voglio illustrarvi quali sono le principali entità minori presentate nelle teorie esoteriche più conosciute; non voglio parlare di tutte queste entità ma solo di quelle che, secondo le testimonianze, sono più avvezze al contatto con l'uomo.

Larve: le larve sono entità provenienti dal piano astrale; esse non presentano una particolare struttura che possa essere segno di riconoscimento; possono presentarsi come una vapore biancastro, grigio oppure nero che si sprigiona accanto alla persone seguita dall'entità oppure nel luogo in cui questa si è stabilita.
Questi esseri si nutrono di energia, principalmente di emozioni che sprigionano dall vittime continuamente sottoposte a situazioni che le turbano.
Le larve possono attaccarsi a una persona che lavoro nell'ambito dei riti esoterici e non è esperta: questa persona tratterà energie che le sfuggiranno al controllo, diventando un ricettacolo di energie sfruttabili da parte di queste entità.
Per scacciare una larva i metodi sono molteplici; il più semplice è quello di non farsi intimorire delle situazioni e dalle visioni che si possono avere, in modo da costringerla ad andarsene a causa dell'assenza di nutrimento.

Gusci: i gusci astrali sono i residui dello spirito delle persone che rimane sul piano astrale; questa parte è quella che resta quando la persona si reincarna oppure quando passa il suo spirito passa a piani inferiori o superiori di evoluzione; esistono solo due modi con i queli una persona può venire a contatto con queste entità: durante una seduta spiritica e durante un viaggio astrale.
Il primo caso si ha quando una persona inesperta o immatura compie una seduta spiritica ricercando un defunto; non avendo la capacità di raggiungerlo in astrale, lascia aperta una "chiamata" che viene sfruttata dai gusci per acquisire energia come fanno le larve.
Nel secondo caso i gusci non assillano a vittima nella realtà ma sul piano astrale: per esempio quando la persona dorme potrà essere tormentata da quelli che lei crede essere spettri dei defunti.

Forma pensiero: la forma pensiero non avrebbe esistenza in se; è semplicemente una massa di energia sul piano astrale, creata dalla ripetizione di un pensiero o di un sentimento di una persona nel piano reale. Queste forme sono prodotte volontariamente da quelli che vengono definiti maghi neri: essi le utilizzano per assolvere determinati compiti o per punire persone;
una volta assolto il compito per il quale sono state programmate le forme pensiero dovrebbero sparire; dico dovrebbero perchè se chi le crea è inconsapevole di quello che sta facendo, tale pensiero diventa autonomo e prende vita propria in astrale.
Una persona che incontra tali esseri in astrale si accorgerà che reagiscono ai pensieri e alle emozioni, facendo in modo di amplificarle e assorbire quindi energia.
Come le larve esse possono agire sia sul piano fisico sia sul piano astrale al fine di ottenere energia; per liberarsi di questi esseri è necessario liberarsi della propria paura e delle proprie emozioni: capite da soli che è alquanto difficile.

Elementale: esattamente come la forma pensiero per tutte le caratteristiche, con una sola aggiunta: è creato con l'ausilio di un elemento che fa da base; di solito tale entità è rara dato che non esiste se non prodotta da una persona esperta.
Ha la caratteristica di agire più spiccatamente sul piano materiale.
Per liberarsi da tale vessazione la strategia è quella prima elencata per le forme pensiero, ma ancora più difficile; faccio un esempio: provate a non avere paura quando vi trovate a visualizzare una massa informe e inerte che con la sola presenza vi da la sensazione di starvi bruciando una parte del corpo.

Vampiri psichici: queste sono persone puramente fisiche e materiali; presentano buchi nell'aura che impediscono il corretto bilanciamento dei chakra e quindi il naturale fluire dell'energia attraverso il corpo sia fisico che astrale.
L'unico modo per liberarsi di tale persone è avere una buona conoscenza della manipolazione dell'energia: così potrete chiudere i buchi nell'aura della persona oppure semplicemente chiudere la vostra energia alle intrusioni esterne.
Oppure semplicemente allontanate la persona che ritenete vampiro psichico dalla vostra vita.
Come vi accorgete se una persona è tale? Quando siete con lei vi sentite inspiegabilmente stanchi, spossati e avete sensazioni di malessere, malinconia o depressione anche se magari siete a chiacchierare amabilmente davanti a una tazza di caffè.

Articolo dell'utente Nico66

PER APPROFONDIRE CLICCA QUI

domenica 1 gennaio 2012

Anno 2012, profezie e teorie a confronto.

Scrivo questo articolo esattamente il Primo Gennaio 2012 (01/01/2012), è appena iniziato un anno destinato a lasciare un segno indelebile nella storia dell'uomo, un anno che già ha lasciato il segno positivo nelle tasche di quanti hanno speculato sulle mille legende legate ad esso.
Studiosi, molti scenziati, antichi profeti, alcuni sensitivi, molti presunti abdotti, tutti loro concordano che quest'anno succederà un evento di rilevanza mondiale, destinato a cambiare per sempre la cognizione della realtà in cui siamo immersi, ma sarà la fine del mondo? sarà la fine dell'uomo? carchiamo di capirlo insieme.

Partiamo con illustrare brevemente la teoria più conosciuta e discussa del mondo: La profezia dei Maya.
Molti sostengono che secondo il calendario di questa straordinaria ed evoluta civiltà, vissuta centinaia di anni orsono, la fine del mondo si avrebbe proprio nel 2012.
Nulla di più errato, i Maya sostenevano che ci furono ben cinque grandi ere cosmiche:
  • l'era dell'acqua, 
  • dell'aria, 
  • del fuoco, 
  • della terra.
Si suppone che ogni grande era sia terminata con una catastrofe naturale che di fatto avrebbe distrutto la civiltà  ad essa legata, Atlantide si dice sia stata la civiltà appartenente alla prima era, distrutta proprio dall'acqua alla fine di questa.

Attualmente, sempre secondo il calendario Maya, ci troveremmo nella quinta grande era: L'era dell'oro, arco temporale destinato a finire proprio nel 2012, ma come?
Uno scenario, devo dire molto apocalittico, vuole che i cataclismi che accompagnano ogni fine di era, siano dovuti ad un repentino spostamento dell'asse tereestre e all'inversione dei poli magnetici del pianeta, Questo causerebbe terremoti, uragani, tsunami, eruzioni vulcaniche, cambio radicale del clima globale e la decimazione se non la fine di quasi la totalità della vita del pianeta.
Sembrerà strano a molti, eppure nell'universo, su altri pianeti, questi scenai sono all'ordine del giorno, uno scenario assolutamente naturale dunque.
Se pur sia molto improbabile, un inversione dei poli magnetici non è impossibile e causerebbe proprio condizioni estreme per la vita del pianeta, con immani e distruttivi cataclismi, quasi come se ciclicamente il pianeta si resettasse per dare inizio ad un nuovo ciclo ed una nuova era, secondo i Maya questo reset avviene ad ogni fine di una grande era ed il prossimo è previsto proprio per il 2012.
Questa teoria parla di fine di era non fine del mondo, ma non rilassiamoci troppo, è risaputo che il mondo esisteva già prima dell'uomo e continuerà ad esistere anche dopo, noi siamo del mondo non viceversa.
Recenti studi dimostrano che le inversioni dei poli terrestri sono eventi naturali già avvenuti in passato e probabilmente causa di estinzione di massa di molte specie animali.

Un altra importane e conoscuta teoria, è quella legata all'arrivo, anzi al ritorno, del decimo pianeta del sistema solare, il famoso e temuto NIBIRU.
Questa teoria nasce dalle interpretazioni di uno studioso di nome Sitchin, che propone una sua personale teoria sulla lettura delle scritture dell'antica civiltà sumera.
Secondo le teorie più condivise nel mondo accademico, Nibiru per gli antichi Sumeri era il corpo celeste associato al dio Marduk, è associato al pianeta Giove nella maggior parte dei testi babilonesi e, nella tavoletta n. 5 dell' Enûma Eliš, potrebbe essere la Stella Polare che a quel tempo coincideva con Thuban o forse Kochab e non con l'attuale.
Sitchin invece formula una teoria nella quale colloca un pianeta tra Marte e Giove: Tiamat.
Tiamat sarebbe stato un pianeta ricco di vita sia animale che vegetale, la sua estinzione e scomparsa sarebbe da attribbuirsi al passaggio di una stella e di uniamo ora ad analizzare alcune profe piccolo pianeta nel sistema solare.

Tale passaggio cambio la sua orbita facendolo scontrare con il pianeta Nibiru (il pianeta della stella di transito), questa collisione sarebbe all'origine della fascia di asteroidi, della terra e della luna.
Secondo l'astronomia Sumera, Nibiru attraverserebbe il sistema solare ogni 3600 anni.
Questo era un sunto delle teorie di Sitchin che hanno dato vita alla leggenda di Nibiru.
Una recente teoria proposta nel 1995 da Nancy Lieder, contattista fondatrice del portale Zeta Talk, la terra sarà presto distrutta dal passaggio di un pianeta denominato Nibiru o Planet x.
Il passaggio sarebbe previsto proprio per il 2012, ma lo stesso Sitchin non concorda su questa data, La teoria nasce dall' interpretazione del testo Maya Popol Vuh, nel 2012 avrà inizio un nuovo "lungo computo", quello della cosiddetta quinta creazione, che terminerà tra altri 3600 anni.
Certo è che il passaggio di un enorme corpo celeste nelle vicinanze del pianeta, potrebbe facilmente causare proprio la famigerata inversione dei poli magnetici.
Al giorno d'oggi non si hanno notizie dell'avvicinarsi di un pianeta esterno destinato ad attraversare il sistema solare, se la data fosse realmente il 21 Dicembre 2012, il pianeta dovrebbe ormai esse tanto vicino da poter essere facilmente indivivuato.
Questa teoria è, secondo il mio modesto parere, la più improbabile.

Passiamo ora ad esporre una teoria molto interessante, una teoria basata su un allineamento planetario con il centro della nostra galassia e l'enorme buco nero posto in esso.
Secondo tale teoria, proprio nel 2012 ci sarà questo allineamento che porterà un elevazione spirituale di tutti gli uomini.
Al centro della nostra galassia vi è un buco nero, questa teoria lo vuole come creatore di un intensa energia che grazie all'allineamento planetario investirà la terra, questa energia risveglierà in tutti noi doti assopite, potremmo percepire una realtà molto più amplia ed entrare in contatto facilmente con esseri appartenenti a piani vibrazionali superiori o inferiori, ad esempio potremmo vedere quelle presenze oggi sfuggevoli definite "fantasmi".

Se per molti questi eventi sarainno semplicemente la conferma di visioni viste in precedenza e da quasi tutti ritenute sintomo di fantasia o pazzia, per altri, le persone con visioni molto ristrette ed estremamente materialiste, sarà una vera e propria tragedia, crederanno di essere impazziti e molti tenteranno il suicidio...
Questo scenario, previsto dalla profezia, porterà poi ad una consapevolezza superiore, le guerre cesseranno insieme all'insensato materialismo vigente e tutti potranno finalmente definirsi fratelli.
Se l'allineamento sembra essere confermato dal mondo accademico, non lo è affatto l'effetto sugli uomini descritto da questa visione profetica.
Un altra teoria legata a questo allineamento lo vede il responsabile di grandi catastrofi legate ad enormi terremoti e tzunami causati dall'azione della forza magnetica causata dalla somma delle forze di attrazione di tutti i pianeti interessati al fenomeno.
Anche questa visione è assolutamente smentita dal mondo scientifico.

Di seguito tratteremo una quartina del grande Nostradamus, definita profezia dei due soli.
 “..La Grande Stella nel Cielo Brillerà per Sette notti; Nel cielo si vedranno apparire due Soli; Il Gran Mastino Urlerà tutta la notte; quando il Gran Pontefice lascerà la sua terra..
Queste quartine dovrebbero riferirsi ad un evento che segna l'inizio della fine del mondo così come noi lo concepiamo.
La profezia sembra tutt'altro che improbabile, molti credono che succederà a breve un fenomeno simile a quello descritto dal grande profeta.
Lo confermerebbe anche un noto professore di fisica all’università del South Queensland il Dr. Brand Carter. Già da tempo esso, infatti, ha notato la progressiva perdita di massa di Betelgeuse, una super igante Rossa di classe spettrale M1-2Iab che vanta una luminosita 135 mila volte più grande di quella del sole ed una massa 20 volte superiore ad esso.

La stella si trova a circa 640 anni luce dalla terra nella costellazione di Orione, La sua esplosione si potrà quasi sicuramente osservare dalla terra e per 2 settimane la notte sarà illuninata dalla sua luce che di giorno la farà apparire come un secondo sole.
Al momento di questa esplosione, prevista per il 2012 o un anno molto vicino ad esso, e che la trasformerà prima in Super nova poi in una piccola stella di neutroni o un buco nero, sarà rilasciata un'immane quantità di energia sottoforma di particelle, Queste attraverseranno l'intero sistema solare ed il nostro pianeta senza provocare danni ed arricchendo il suolo del nostro pianeta e probabilmente migliorando gli esseri viventi.
Questi miglioramenti saranno dovuti al fatto che tali prticelle, secondo il professore, sono le stesse che formano ogni elemento nell'universo, compresi i materiali prezioni.

Profezia dei Papi o di San Malachia.
La profezia di cui ora tratteremo è stata scritta dal monaco cirstercenze irlandese Malachia, intorno al 1140.
Questo santo indica una lista dei Papi che si sarebbero susseguiti dai suoi giorni fino alla fine dei tempi, li indica con ben 111 motti in latino, corrispondenti ad altrettanti Papi.
Posterò di seguito solo i motti che appartengono alla lista degli ultimi Papi, fino a Benedetto sedicesimo, l'ultimo Papa della lista.

Giovanni Paolo II (110°) 
Motto: "De labore solis" (Della fatica del sole)
Il motto attribbuito a Papa Wojtyla , sembra descrivere in modo sorprendente la nascita e la morte di quest'ultimo, nato e morto proprio durante un eclisse di sole.

Giovanni Paolo I (109°)
Motto: "De medietate lunae" (della metà della luna)
Il motto sembra calzare perfettamente all'arco di tempo brevissimo del Pontificato di Papa Luciani, iniziato e terminato proprio con la luna visibile perfettamente a metà.

Paolo VI (108°)
Motto: "Flos florum" (Fiore dei fiori)
Sembra avere similitudini sorprendenti con lo stemm della famiglia di appartenenza del Pontefice, La famiglia Montini aveva tre gigli nel proprio stemma.

Potrei inserire altri esempi ma credo di aver reso l'idea e passo dunque con l'illustrarvi l'ultimo motto della lista, quello che dovrebbe appartenere all'attuale Papa Benedetto XVI, quindi il presunto ultimo Papa prima del giorno del giudizio.

Benedetto XVI (111°)
Motto: "De gloria olivae" (La gloria dell'olivo)
Questo motto sembra un chiaro riferimento al nome "Benedetto" scelto da Papa Ratzinger.
I membri dell''ordine benedettino sono noti come "gli olivetani", il proprio stemma è proprio un ramo di olivo.
In più c'è da ricordare che il Pontefice è nato il 16 aprile in pieno periodo pascuale, periodo caratterizzato proprio dal importanza del significato espresso dal ramoscello di ulivo.

Queste sopraespresse sono solo alcune delle tante teorie che puntano a trovare la fatidica data della fine dei tempi e scoprire le modalità in cui si attueranno i cambiamenti radicali sul pianeta, ho preferito trattare solo di quelle con riferimenti all'anno 2012.

Articolo scritto da Contino Mario
Articolo protetto da Copyright, vietata ogni forma di riproduzione non autorizzata
PER APPROFONDIRE CLICCA QUI