Questo Blob non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Le immagini inserite in questo Forum sono tratte in massima parte da Internet, così come alcuni articoli. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarcelo e saranno subito rimossi.

REGOLE PER OTTENERE LA RECENSIONE DEL TUO LIBRO SU QUESTO BLOG

domenica 1 gennaio 2012

Anno 2012, profezie e teorie a confronto.

Scrivo questo articolo esattamente il Primo Gennaio 2012 (01/01/2012), è appena iniziato un anno destinato a lasciare un segno indelebile nella storia dell'uomo, un anno che già ha lasciato il segno positivo nelle tasche di quanti hanno speculato sulle mille legende legate ad esso.
Studiosi, molti scenziati, antichi profeti, alcuni sensitivi, molti presunti abdotti, tutti loro concordano che quest'anno succederà un evento di rilevanza mondiale, destinato a cambiare per sempre la cognizione della realtà in cui siamo immersi, ma sarà la fine del mondo? sarà la fine dell'uomo? carchiamo di capirlo insieme.

Partiamo con illustrare brevemente la teoria più conosciuta e discussa del mondo: La profezia dei Maya.
Molti sostengono che secondo il calendario di questa straordinaria ed evoluta civiltà, vissuta centinaia di anni orsono, la fine del mondo si avrebbe proprio nel 2012.
Nulla di più errato, i Maya sostenevano che ci furono ben cinque grandi ere cosmiche:
  • l'era dell'acqua, 
  • dell'aria, 
  • del fuoco, 
  • della terra.
Si suppone che ogni grande era sia terminata con una catastrofe naturale che di fatto avrebbe distrutto la civiltà  ad essa legata, Atlantide si dice sia stata la civiltà appartenente alla prima era, distrutta proprio dall'acqua alla fine di questa.

Attualmente, sempre secondo il calendario Maya, ci troveremmo nella quinta grande era: L'era dell'oro, arco temporale destinato a finire proprio nel 2012, ma come?
Uno scenario, devo dire molto apocalittico, vuole che i cataclismi che accompagnano ogni fine di era, siano dovuti ad un repentino spostamento dell'asse tereestre e all'inversione dei poli magnetici del pianeta, Questo causerebbe terremoti, uragani, tsunami, eruzioni vulcaniche, cambio radicale del clima globale e la decimazione se non la fine di quasi la totalità della vita del pianeta.
Sembrerà strano a molti, eppure nell'universo, su altri pianeti, questi scenai sono all'ordine del giorno, uno scenario assolutamente naturale dunque.
Se pur sia molto improbabile, un inversione dei poli magnetici non è impossibile e causerebbe proprio condizioni estreme per la vita del pianeta, con immani e distruttivi cataclismi, quasi come se ciclicamente il pianeta si resettasse per dare inizio ad un nuovo ciclo ed una nuova era, secondo i Maya questo reset avviene ad ogni fine di una grande era ed il prossimo è previsto proprio per il 2012.
Questa teoria parla di fine di era non fine del mondo, ma non rilassiamoci troppo, è risaputo che il mondo esisteva già prima dell'uomo e continuerà ad esistere anche dopo, noi siamo del mondo non viceversa.
Recenti studi dimostrano che le inversioni dei poli terrestri sono eventi naturali già avvenuti in passato e probabilmente causa di estinzione di massa di molte specie animali.

Un altra importane e conoscuta teoria, è quella legata all'arrivo, anzi al ritorno, del decimo pianeta del sistema solare, il famoso e temuto NIBIRU.
Questa teoria nasce dalle interpretazioni di uno studioso di nome Sitchin, che propone una sua personale teoria sulla lettura delle scritture dell'antica civiltà sumera.
Secondo le teorie più condivise nel mondo accademico, Nibiru per gli antichi Sumeri era il corpo celeste associato al dio Marduk, è associato al pianeta Giove nella maggior parte dei testi babilonesi e, nella tavoletta n. 5 dell' Enûma Eliš, potrebbe essere la Stella Polare che a quel tempo coincideva con Thuban o forse Kochab e non con l'attuale.
Sitchin invece formula una teoria nella quale colloca un pianeta tra Marte e Giove: Tiamat.
Tiamat sarebbe stato un pianeta ricco di vita sia animale che vegetale, la sua estinzione e scomparsa sarebbe da attribbuirsi al passaggio di una stella e di uniamo ora ad analizzare alcune profe piccolo pianeta nel sistema solare.

Tale passaggio cambio la sua orbita facendolo scontrare con il pianeta Nibiru (il pianeta della stella di transito), questa collisione sarebbe all'origine della fascia di asteroidi, della terra e della luna.
Secondo l'astronomia Sumera, Nibiru attraverserebbe il sistema solare ogni 3600 anni.
Questo era un sunto delle teorie di Sitchin che hanno dato vita alla leggenda di Nibiru.
Una recente teoria proposta nel 1995 da Nancy Lieder, contattista fondatrice del portale Zeta Talk, la terra sarà presto distrutta dal passaggio di un pianeta denominato Nibiru o Planet x.
Il passaggio sarebbe previsto proprio per il 2012, ma lo stesso Sitchin non concorda su questa data, La teoria nasce dall' interpretazione del testo Maya Popol Vuh, nel 2012 avrà inizio un nuovo "lungo computo", quello della cosiddetta quinta creazione, che terminerà tra altri 3600 anni.
Certo è che il passaggio di un enorme corpo celeste nelle vicinanze del pianeta, potrebbe facilmente causare proprio la famigerata inversione dei poli magnetici.
Al giorno d'oggi non si hanno notizie dell'avvicinarsi di un pianeta esterno destinato ad attraversare il sistema solare, se la data fosse realmente il 21 Dicembre 2012, il pianeta dovrebbe ormai esse tanto vicino da poter essere facilmente indivivuato.
Questa teoria è, secondo il mio modesto parere, la più improbabile.

Passiamo ora ad esporre una teoria molto interessante, una teoria basata su un allineamento planetario con il centro della nostra galassia e l'enorme buco nero posto in esso.
Secondo tale teoria, proprio nel 2012 ci sarà questo allineamento che porterà un elevazione spirituale di tutti gli uomini.
Al centro della nostra galassia vi è un buco nero, questa teoria lo vuole come creatore di un intensa energia che grazie all'allineamento planetario investirà la terra, questa energia risveglierà in tutti noi doti assopite, potremmo percepire una realtà molto più amplia ed entrare in contatto facilmente con esseri appartenenti a piani vibrazionali superiori o inferiori, ad esempio potremmo vedere quelle presenze oggi sfuggevoli definite "fantasmi".

Se per molti questi eventi sarainno semplicemente la conferma di visioni viste in precedenza e da quasi tutti ritenute sintomo di fantasia o pazzia, per altri, le persone con visioni molto ristrette ed estremamente materialiste, sarà una vera e propria tragedia, crederanno di essere impazziti e molti tenteranno il suicidio...
Questo scenario, previsto dalla profezia, porterà poi ad una consapevolezza superiore, le guerre cesseranno insieme all'insensato materialismo vigente e tutti potranno finalmente definirsi fratelli.
Se l'allineamento sembra essere confermato dal mondo accademico, non lo è affatto l'effetto sugli uomini descritto da questa visione profetica.
Un altra teoria legata a questo allineamento lo vede il responsabile di grandi catastrofi legate ad enormi terremoti e tzunami causati dall'azione della forza magnetica causata dalla somma delle forze di attrazione di tutti i pianeti interessati al fenomeno.
Anche questa visione è assolutamente smentita dal mondo scientifico.

Di seguito tratteremo una quartina del grande Nostradamus, definita profezia dei due soli.
 “..La Grande Stella nel Cielo Brillerà per Sette notti; Nel cielo si vedranno apparire due Soli; Il Gran Mastino Urlerà tutta la notte; quando il Gran Pontefice lascerà la sua terra..
Queste quartine dovrebbero riferirsi ad un evento che segna l'inizio della fine del mondo così come noi lo concepiamo.
La profezia sembra tutt'altro che improbabile, molti credono che succederà a breve un fenomeno simile a quello descritto dal grande profeta.
Lo confermerebbe anche un noto professore di fisica all’università del South Queensland il Dr. Brand Carter. Già da tempo esso, infatti, ha notato la progressiva perdita di massa di Betelgeuse, una super igante Rossa di classe spettrale M1-2Iab che vanta una luminosita 135 mila volte più grande di quella del sole ed una massa 20 volte superiore ad esso.

La stella si trova a circa 640 anni luce dalla terra nella costellazione di Orione, La sua esplosione si potrà quasi sicuramente osservare dalla terra e per 2 settimane la notte sarà illuninata dalla sua luce che di giorno la farà apparire come un secondo sole.
Al momento di questa esplosione, prevista per il 2012 o un anno molto vicino ad esso, e che la trasformerà prima in Super nova poi in una piccola stella di neutroni o un buco nero, sarà rilasciata un'immane quantità di energia sottoforma di particelle, Queste attraverseranno l'intero sistema solare ed il nostro pianeta senza provocare danni ed arricchendo il suolo del nostro pianeta e probabilmente migliorando gli esseri viventi.
Questi miglioramenti saranno dovuti al fatto che tali prticelle, secondo il professore, sono le stesse che formano ogni elemento nell'universo, compresi i materiali prezioni.

Profezia dei Papi o di San Malachia.
La profezia di cui ora tratteremo è stata scritta dal monaco cirstercenze irlandese Malachia, intorno al 1140.
Questo santo indica una lista dei Papi che si sarebbero susseguiti dai suoi giorni fino alla fine dei tempi, li indica con ben 111 motti in latino, corrispondenti ad altrettanti Papi.
Posterò di seguito solo i motti che appartengono alla lista degli ultimi Papi, fino a Benedetto sedicesimo, l'ultimo Papa della lista.

Giovanni Paolo II (110°) 
Motto: "De labore solis" (Della fatica del sole)
Il motto attribbuito a Papa Wojtyla , sembra descrivere in modo sorprendente la nascita e la morte di quest'ultimo, nato e morto proprio durante un eclisse di sole.

Giovanni Paolo I (109°)
Motto: "De medietate lunae" (della metà della luna)
Il motto sembra calzare perfettamente all'arco di tempo brevissimo del Pontificato di Papa Luciani, iniziato e terminato proprio con la luna visibile perfettamente a metà.

Paolo VI (108°)
Motto: "Flos florum" (Fiore dei fiori)
Sembra avere similitudini sorprendenti con lo stemm della famiglia di appartenenza del Pontefice, La famiglia Montini aveva tre gigli nel proprio stemma.

Potrei inserire altri esempi ma credo di aver reso l'idea e passo dunque con l'illustrarvi l'ultimo motto della lista, quello che dovrebbe appartenere all'attuale Papa Benedetto XVI, quindi il presunto ultimo Papa prima del giorno del giudizio.

Benedetto XVI (111°)
Motto: "De gloria olivae" (La gloria dell'olivo)
Questo motto sembra un chiaro riferimento al nome "Benedetto" scelto da Papa Ratzinger.
I membri dell''ordine benedettino sono noti come "gli olivetani", il proprio stemma è proprio un ramo di olivo.
In più c'è da ricordare che il Pontefice è nato il 16 aprile in pieno periodo pascuale, periodo caratterizzato proprio dal importanza del significato espresso dal ramoscello di ulivo.

Queste sopraespresse sono solo alcune delle tante teorie che puntano a trovare la fatidica data della fine dei tempi e scoprire le modalità in cui si attueranno i cambiamenti radicali sul pianeta, ho preferito trattare solo di quelle con riferimenti all'anno 2012.

Articolo scritto da Contino Mario
Articolo protetto da Copyright, vietata ogni forma di riproduzione non autorizzata
PER APPROFONDIRE CLICCA QUI

Nessun commento:

Posta un commento

Lasia un commento