EVP, Electronic Voice Phenomena



Con l'avvento del Ghost Hunting sempre più spesso si sente parlare di EVP e di registratori per EVP, cerchiamo un po di chiarire le idee, soprattutto ai tanti che cercano di avvicinarsi a questo mondo.Il fenomeno è conosciuto anche come psicofonia o metafonia e non interessa solo fenomeni di tipo sonoro ma anche visivo, in poche parole consiste nel manifestarsi di suoni e di immagini, presumibilmente di natura non umana, in strumenti audiovisivi elettrici.
Più comunemente con il termine EVP intendiamo le registrazioni su nastri magnetici, ma anche tramite altri mezzi, di suoni che spesso prendono la forma di vere e proprie voci capaci di scandire differenti parole più o meno chiare ed in diverse lingue, in base all'area geografica ove si svolge l'indagine.
Prima di continuare mi sembra doveroso ricordare che la psicofonia non ha mai trovato credito nella scienza ufficiale e quindi resta una scienza non convenzionale.
Pochi sanno che nel 1934, l'ingegnere Lorenzo Mancini, all'epoca presidente della Società Italiana Studi Psicofonici,dichiarò che durante una seduta spiritica ricevette un messaggio tramite una medium, questo messaggio arrivava da uno scienziato defunto che gli rivelava che nel prossimo futuro tramite strumenti innovativi di registrazione sarebbe stato possibile comunicare con l'aldilà.
Questa notizia ovviamente deve essere presa con le pinze ma rapportata a ciò che oggi rientra nella normale ricerca tramite EVP ha una certa risonanza è mi è sembrato corretto menzionarla.
La chiesa cattolica, ma anche le protestanti, hanno riconosciuto la possibilità di una comunicazione tra l'aldilà ed il mondo dei vivi, quindi per la chiesa sono tutti fenomeni più che possibili ma categoricamente vietati in quanto attribuiti, come ogni forma di divinazione, all'azione di satana.
Con il passare degli anni però, alcuni illustri esponenti del mondo ecclesiastico si sono distaccati dalle linee ufficiali della chiesa ed autonomamente hanno rilasciato diverse dichiarazioni favorevoli al contatto tra defunti e viventi, ne riporto solo un paio di esempi.
Il Reverendo Mons. Prof. C. Pfleger dichiarò ufficialmente: "I fatti ci hanno dato la consapevolezza che fra la morte e la risurrezione c'è un altro stadio di esistenza post mortem. La teologia cristiana ha poco da dire riguardo a questo stadio" ;
Padre Gino Concetti, uno dei teologi più competenti del Vaticano, in un intervista sorprendette tutti dichiarando: "Secondo il catechismo moderno, Dio consente ai nostri cari defunti, che vivono in una dimensione ultra-terrena, di inviare messaggi per guidarci in certi momenti difficili della nostra vita. La Chiesa ha deciso di non proibire più il dialogo con i morti, a condizione che questi contatti siano motivati da seri propositi religiosi e scientifici"
Questi ed altri illustri personaggi possono essere visti come uomini di fede che hanno avuto il buon senso di non negare la loro religione ed il loro credo, ma non negare neppure l'evidenza e riflettere sulle possibilità che Dio ci offre per crescere spiritualmente, anche grazie ai consigli dettati noi spiriti appartenenti ad un diverso piano esistenziale, secondo molti intermedio tra morte e resurrezione.
Passiamo un po a parlare delle apparecchiature utilizzate per le ricerche metefoniche, come abbiamo detto i fenomeni possono manifestarsi in qualsiasi dispositivo ma per avere qualcosa di concreto su cui dibattere in diversi momenti della ricerca, si è puntato tutto su registratori, strumenti capaci di memorizzare le tracce audio per permettere la loro analisi con differenti strumenti, soprattutto spettrografici.
In passato si iniziò con registratori che utilizzavano nastri magnetici, oggi esistono mezzi più innovativi che migliorano di molto la qualità audio e riescono a percepire anche suoni a bassissime frequenze.
Molti illustri nomi del mondo accademico, mostrarono molto interesse verso il fenomeno della metafonia, giusto per citarne alcuni:
Guglielmo Marconi, venne stimolato in tale direzione dopo aver analizzato voci captate da apparecchiature radio che non trovavano alcuna spiegazione razionale.
Edison, convintosi di potere inventare un dispositivo simile al grammofono con il quale captare le voci dei defunti
Oliver Lodge, con idee molto simili a quelle del collega Marconi ecc..



Marcello Bacci
Recentemente molti studi si sono dimostrati veramente stupefacenti nel campo della metafonia.
A Grosseto,Il 5 dicembre 2004, Marcello Bacci condusse degli esperimenti sorprendenti sul fenomeno.

Questi esperimenti furono condotti in presenza di 37 persone tra questi investigatori, tecnici e scienziati, italiani, inglesi e portoghesi facenti parte dell'associazione di studi parapsicologici "Laboratorio Interdisciplinare di Ricerca Biopsicocibernetica".
All'esperimento erano presenti anche alcune madri che avevano perso i loro bambini.
Il professore di fisica Mario Salvatore Festa dell'Università di Napoli e il radiotecnico Franco Santi, che parteciparono all'evento, eliminarono tutte le valvole della radio, quindi le ricezioni erano fisicamente impossibili.
Tra lo stupore generale i fenomeni delle voci anomale continuarono ad essere prodotti dall'apparecchio del Bacci.
Le apparecchiature furono smontate ed esaminate scrupolosamente ma non vi furono trovate tracce di trucchi.
Marcello Bacci rifiutò la partecipazione agli esperimenti di un rappresentante del CICAP dichiarando che a suo avviso il Cicap fosse prevenuto nei confronti dei fenomeni e quindi non neutrale, non negò invece le dimostrazioni a qualsiasi altro esponente del mondo accademico.
In base a diverse testimonianze e studi basati sulle voci registrate, si è scoperto che queste hanno differenti caratteristiche e non si manifestano sempre allo stesso modo.
Alcune voci sono tanto veloci da essere capibili solo attraverso software o metodi che permettono di diminuire molto la velocità del suono, altre volte le voci sarebbero ben udibili.
Spesso si distinguerebbe il timbro maschile o femminile delle stesse ed il loro accento variabile in base alla regione geografica di provenienza.
Sebbene esistano molti studiosi del fenomeno, non esiste un metodo comune per lo studio è questo frena molto la credibilità dello stesso.
La scienza e soprattutto i rappresentanti delle associazioni di scettici, insistono sul fatto che il fenomeno sia spiegabile con semplici interferenze audio esterne unite a suggestione, i sostenitori della reale esistenza delle voci fanno notare invece che non possono trattarsi di interferenze, questo perchè il fenomeno si verifica anche se gli esperimenti vengono condotti dentro una gabbia di Faraday, la quale isola ogni interferenza e persino tramite registratori digitali, i quali per loro natura sono esenti da interferenze ed attualmente sono i più utilizzati.

attrezzatura EVP GIAP Roma
Sono interessanti alcuni esperimenti condotti in concomitanza con l'intercessione di alcuni noti medium.. gli studiosi, tramite i medium, ponevano domande precise ai presunti spiriti, sembra che i registratori abbiano registrato risposte, ben udibili, simili a quelle scritte dai medium su pezzi di carta, risposte lette solo dopo l'analisi delle registrazioni, per evitare suggestioni.
In conclusione le registrazioni EVP oggi, grazie a registratori digitali potenti e sofisticati, sono uno dei fenomeni più affascinanti trattati dall'analisi di Ghost Hunting, meritevoli sicuramente di maggiore credibilità in ambito accademico.

Articolo di Contino Mario

Articolo protetto da Copyright, vietata ogni forma di riproduzione non autorizzata

PER APPROFONDIRE CLICCA QUI

Commenti