Questo Blob non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Le immagini inserite in questo Forum sono tratte in massima parte da Internet, così come alcuni articoli. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarcelo e saranno subito rimossi.

REGOLE PER OTTENERE LA RECENSIONE DEL TUO LIBRO SU QUESTO BLOG

sabato 8 dicembre 2012

Alieni

Alieni
Il dibattito sull’esistenza aliena è vecchio quanto l’uomo, infatti la razza umana si chiede da secoli se lì, tra le stelle, ci siano altri esseri intelligenti che magari in quello stesso momento, si stiano ponendo la medesima domanda.
L’esistenza aliena è data per certa da buona parte della popolazione mondiale e data per falsa ed impossibile dall’altra buona parte.
Inizierò a spiegare le ragioni che portano gli scettici a dichiarare l’assoluta inesistenza di vita aliena capace di visitare il nostro pianeta. La scienza ci dice che la maggior parte dei pianeti conosciuti, sia solari che extrasolari, non hanno condizioni climatiche e caratteristiche capaci di consentire l’esistenza di forme di vita così come noi le intendiamo. Ci dice anche che qualora esistesse un pianeta con caratteristiche simili al nostro, esso sarebbe ad una distanza tale da essere incolmabile per le attuali leggi della fisica e dunque non lascia dubbi sull’impossibilità che il fenomeno ufo possa essere riconducibile a qualcosa di non terrestre.
Queste due affermazioni sono, a mio modesto parere, assolutamente dettate da pregiudizio e senso di superiorità.
La vita come noi la intendiamo è esattamente la vita che ci circonda, ossia evolutasi in base alle condizioni esistenti sul nostro pianeta ed a base di carbonio.
Chi ci dice che su un altro pianeta molto differente dal nostro, la vita non si sia ugualmente evoluta adattandosi alle caratteristiche dello stesso?
Chi ci assicura che queste forme di vita non abbiano un modo molto differente e più efficiente di percepire la realtà che ci circonda? Tanto efficiente da avergli permesso di sviluppare una scienza ed una tecnologia tale da potersi permettere di abbattere tutti i limiti imposti dalla nostra scienza limitata?
La risposta a tali domande è assai semplice, non c’è lo assicura nessuno, semplicemente si da tutto per scontato illudendosi e continuando ad imporre modelli di ricerca basati sulla falsa certezza di essere i soli esseri intelligenti nell’intero universo.
Esistono tante ricerche che tentano di individuare vita extraterrestre nello spazio, purtroppo sono ricerche sbeffeggiate da buona parte del mondo accademico e rese inutili dal fatto che non si tiene in considerazione una cosa molto importante: un eventuale razza aliena in grado di rendere invisibili i propri mezzi di trasporto e percorrere milioni di anni luce in pochissimo tempo, sarebbe disposta a scambiare due chiacchiere con noi e a far trovare il proprio pianeta di origine?
Facciamo due conti, mettiamo il caso che questi alieni siano tranquilli, pacifici e rispettosi della natura e della vita, vedrebbero noi, irrispettosi del nostro pianeta, avidi e violenti, sempre impegnati in guerre sanguinose, in poche parole si terrebbero alla larga da ogni contatto.
Tornando un attimo alle tesi scientifiche, vorrei puntualizzare che non solo il Carbonio potrebbe essere alla base della vita, numerose ricerche vorrebbero il Silicio un elemento in grado di sostenerla al pari del Carbonio. Per questo mi sembra doveroso pensare alla possibilità di forme di vita già esistenti, magari intelligenti e basate su questo elemento.
La natura non spreca mai lo spazio a sua disposizione: i mari sono pieni di pesci, i cieli di uccelli, la terra di altre creature, e lo spazio?
Saremmo soso noi a popolare l’universo e tutti i miliardi di pianeti in esso presenti?
Questa ipotesi non avrebbe senso, nessuna teoria potrebbe giustificare una simile evenienza.
Esistono numerose prove a sostegno della tesi che avvalora l’esistenza di forme di vita aliene, intelligenti ed in grado di visitare il nostro pianeta. Ovviamente non voglio includere in queste prove ogni testimonianza di cui è pieno il web, mi riferisco a prove basate su deposizioni su cui la magistratura ha indagato ed a cui non si è saputa dare risposta.
Recenti ricerche sembrerebbero far crollare uno dei pilastri su cui la scienza basa le sue certezze dell’impossibilità di un contatto ravvicinato tra terrestri e presunti alieni, ossia l’impossibilità di percorrere milioni di anni luce in brevissimo tempo. Questi studi parlano di possibili passaggi spazio-temporali, in natura potrebbero già essere presenti nei cosiddetti “Buchi Neri” ma non esistono ancora prove certe che avvalorino tali ipotesi. Le stesse teoria vorrebbero come possibile, eventuali aperture di passaggi spazio-temporali calcolati ad hoc, uno dei problemi maggiori sarebbe quello di reperire una quantità tale di energia capace di curvare addirittura lo spazio-tempo. Queste quantità di energia per noi sono inottenibili da raggiungere, pensate che un buco nero si forma dall’esplosione di una stella molto più grande del sole, ma sarebbero irraggiungibili anche da una razza aliena con conoscenze e tecnologie superiori?
È difficilissimo affrontare un dibattito sugli Alieni, questo perché si è immersi in due correnti di pensiero totalmente opposte e che non lasciano il minimo spazio al dibattito costruttivo. Da una parte troviamo la scienza che non ci tiene proprio ad ammettere che forse alcune teorie ritenute infalsificabili siano da rivedere alla luce delle nuove osservazioni (parliamo di oltre 60 anni di osservazioni), dall’altra parte ci sono gli ufologi che confondono ciò che realmente potrebbe essere, con fantasia di chi crea storie solo per avere un po’ di notorietà.

Articolo di Contino Mario
Copiright, vietata ogni riproduzione non autorizzata


Nessun commento:

Posta un commento

Lasia un commento