Questo Blob non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Le immagini inserite in questo Forum sono tratte in massima parte da Internet, così come alcuni articoli. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarcelo e saranno subito rimossi.

REGOLE PER OTTENERE LA RECENSIONE DEL TUO LIBRO SU QUESTO BLOG

sabato 19 gennaio 2013

Leggenda della sfortuna legata ai gatti neri

Accidenti un gatto nero mi ha tagliato la strada!

Quante volte abbiamo udito una simile esclamazione? Sicuramente troppe, e troppe volte abbiamo assistito a terribili scene di maltrattamento nei confronti dei gatti che come unica colpa hanno quella di essere di colore nero in un mondo di folli.

La credenza che vede queste simpatiche bestiole portatrici di sventure risale al Medioevo, una credenza antica ma ben radicata nelle menti di molti popoli. Il manto nero del gatto faceva si che fosse associato al lutto ed al male in generale, era considerato l’animale di compagnia delle streghe e le sue abitudini, del tutto comuni agli altri gatti, di uscire la notte per cacciare, aumentavano il pregiudizio verso lo stesso.

Un’altra causa di queste cattive dicerie sui gatti neri è da ricercarsi nell’antica pirateria, sulle navi vi era la necessità di proteggere il cibo dai roditori e le navi pirata spesso imbarcavano anche alcuni gatti. Sembrerebbe che i gatti neri fossero i preferiti da i pirati, forse considerati più abili nella caccia, quando i vascelli si accostavano alle coste per compiere i loro atti criminali, i gatti fuggivano sulla terraferma, è lecito pensare che l’associazione gatto nero e pirateria abbia contribuito notevolmente alla cattiva fama del felino, quando arrivavano i gatti neri, arrivavano i pirati.

L’idea del gatto nero portatore di sfortuna se attraversa la strada al malcapitato di turno, è da ricercare nel periodo in cui il cavallo era quasi l’unico mezzo di trasporto esistente, se un gatto attraversava la strada all’improvviso, il cavallo poteva imbizzarrirsi e disarcionare il cavaliere. Probabilmente di notte ogni gatto veniva visto come una veloce ombra sulla strada e qualsiasi fosse il colore del suo manto veniva considerato nero. A quei tempi sarebbe anche stato lecito pensare che l’attraversamento improvviso della strada da parte di un gatto potesse portare gravi conseguenze, ma oggi? Oggi se un gatto attraversa la strada deve far ricorso a tutte le sue proverbiali sette vite per non finire investito, oggi sono le auto che portano sfortuna, purtroppo, a questo felino.

Come spero di aver dimostrato, non vi è alcun motivo di temere i gatti neri, sono animali docoli dal portamento elegante e dall’ottimo carattere, l’unica brutta bestia portatrice di sventura è l’ignoranza umana.

Articolo di Contino Mario
Copyright vietata ogni riproduzione non autorizzata

PER APPROFONDIRE CLICCA QUI

Nessun commento:

Posta un commento

Lasia un commento