lunedì 6 maggio 2013

Significato esoterico dell'Esagramma o Sigillo di Salomone

Il Sigillo di Salomone, noto anche con il nome di "Esagramma" o Stella a sei punte" o, in alcuni casi, "Esalfa", è un simbolo costituito da due triangoli equilateri intrecciati in maniera regolare tra di loro. L’esagramma è formato da due triangoli equilateri incrociati che, in alcuni casi, appaiono inscritti in un cerchio. Il significato dell'unione dei due triangoli è abbastanza semplice, rappresentano l’unione del cielo e della terra, del mondo spirituale con il mondo materiale ma anche della componente maschile e quella femminile. 

Il triangolo con il vertice verso il basso rappresenta i due elementi acqua e terra, questi elementi risultano legati in maniera indissolubile al mondo materiale, il loro principio li fa tendere verso il basso, verso la regressione. Il triangolo con il vertice in alto rappresenta i due elementi spirituali, aria e fuoco, due elementi rappresentanti l'evoluzione dello spirito, basti pensare al fuoco inteso come "Spirito Santo" nel Cristianesimo o come fuoco purificatore in centinaia di altre culture.

Dall'incrocio dei due triangoli si crea l'esagono centrale che rappresenta l'equilibrio perfetto, il cuore dell'uomo inteso come contenitore materiale dell'anima spirituale, qui ci si potrebbe ricollegare al significato esoterico del cuore che facilmente ci riporta al santo Graal. Quando è presente un punto all’interno dell’esagono centrale, questo simboleggia l’unione di tutti gli elementi esistenti. probabilmente l'illuminazione.

Il sigillo di Salomone è un simbolo apparso nel  medioevo come potente talismano ma certamente molto più antico. I due triangoli intrecciati sono spesso ricondotti all'Ebraismo (Stella di David), pochi sanno che questa figura appare pure nel patrimonio simbolico dell’Islam nella cui cultura assume caratteristiche terapeutico-magiche e alchemiche. 
In ambito esoterico-alchemico, i due triangoli vengono interpretati come il simbolo dell’equilibrio tra le forze cosmiche del Fuoco e dell’Acqua. 

La leggenda vuole che Re Salomone, figlio del re Davide, si servi di questo esagramma per scacciare i demoni e invocare gli angeli, proprio per questo motivo la stella a sei punte prende anche il nome di  “sigillo di Salomone” o scudo di Davide.

Questa figura rappresenta un potente alleato in ambito magico-esoterico, spesso i magni si dipingono l'esagramma sul petto come protezione dagli influssi demoniaci, insieme al cerchio magico è il simbolo protettivo più potente ed utilizzato in ambito cerimoniale.

Articolo di Contino Mario
Copyright, vietata ogni riproduzione non autorizzata

Nessun commento:

Posta un commento

Lasia un commento