Questo Blob non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Le immagini inserite in questo Forum sono tratte in massima parte da Internet, così come alcuni articoli. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarcelo e saranno subito rimossi.

REGOLE PER OTTENERE LA RECENSIONE DEL TUO LIBRO SU QUESTO BLOG

venerdì 10 gennaio 2014

Streghe

Terrore di molti bambini in tutto il mondo, causa di tante notti insonni, le streghe hanno lasciato una traccia indelebile nella cultura odierna ed hanno contribuito a scrivere alcune delle pagine più insanguinate e vergognose della nostra storia, mi riferisco agli anni in cui le inquisizioni ingiuste e meschine portarono a rogo centinaia e forse migliaia di donne innocenti, di ogni credo ed età.


La leggenda le vuole come le amanti di Satana, donne che per ottenere poteri inimmaginabili erano disposte a tutto, perfino a vendere la loro anima al demonio. Si narra che queste donne erano dedite all’omicidio di fanciulli per potersi poi cibare delle loro carni ed ottenere il consenso del diavolo.


I loro poteri sono descritti in centinaia di modi differenti, erano in grado di controllare le forze della natura ed a loro si dovevano i periodi di carestia o le disastrose inondazioni dei campi, a loro anche la cattiva fama di portare malattie e pestilenze di ogni sorta. Le streghe avevano la facoltà di trasformarsi in ogni animale, dal più grande e pericoloso predatore al più piccolo ed insignificante insetto, si racconta che potessero vivere centinaia di anni ed apparire sempre come fanciulle aggraziate e di bell'aspetto, all'apparenza perfino indifese, tutto per adescare le ignare vittime.


Il loro potere più spaventoso, quello anche più conosciuto, sarebbe stato il potere di volare sulla groppa della loro fedele scopa ed osservare dall'alto i villaggi presi di mira, questo dono gli veniva conferito dal diavolo stesso ed era possibile grazie ad unguenti speciali che puntualmente venivano applicati sulle scope.


Anche in Italia i racconti sulle streghe presero il sopravvento, la città di Benevento ha la fama di essere il luogo in cui queste maghe oscure si radunavano per dar vita ad orge rituali e sprigionare in questo modo grandi quantità di magia detta “sessuale”. Devo precisare che non solo Benevento è legata alla tradizione dell’antica stregoneria, le streghe si trovavano un po’ in tutta Italia, soprattutto in zone periferiche a prevalenza contadina, zone interne dell’appennino, delle Prealpi e della Pianura Padana, molte storie sulla stregoneria sono narrate anche in Sicilia in Sardegna ed in Puglia.


Le streghe pugliesi erano chiamate Macare o Masciare, la leggenda vuole che avessero il potere di eseguire o sciogliere le fatture, quindi potevano essere considerate sia benevole che malvagie in base al loro comportamento, fermo restando che venivano comunque viste con diffidenza e timore, quindi collocate in un ottica relativamente negativa.
Tra i servigi più richiesti a queste strane figure che per secoli sono state una realtà nel popolo pugliese, ricordo:
  • Lo scioglimento di fatture e malocchi,
  • Lo spezzare l'invidia,
  • L'allontanamento dalla paura e tutta una serie di opere atte a guarire diversi mali comuni, dal mal di pancia al torcicollo.
Le Masciare avrebbero la capacità di trasformarsi in gatte nere grazie all'uso di unguenti magici, seppur viste sempre con timore sarebbero l'opposto delle “Stiare”, streghe malvagie che in determinate notti si riunivano attorno ad un vecchio albero di noce per praticare i loro rituali diabolici, capaci di portare a malattie o carestie mortali.


Cosa era in realtà la stregoneria?


La maggior parte delle storie che si conoscono sulle streghe, narrano di rituali terribili ed immondi che puntualmente sfociavano in omicidi ed orge. La realtà è ben differente ed è stata distorta un po’ dall’immaginario collettivo un po’ dall’influenza di una religione nascente quale il Cristianesimo, dedito a demonizzare ogni religione che non fosse la religione Cristiana e che adorasse Dei pagani.


Le streghe o gli stregoni, in realtà, altro non erano che persone in grado di curare con le erbe o che si cimentavano nell'osservazione dei fenomeni naturali per apprenderne gli insegnamenti e sfruttarli a loro vantaggio, degli attenti osservatori in poche parole.
La loro colpa più grande era quella di appartenere alla così detta “Antica Religione”, essi credevano nelle forze della natura e le adoravano, la loro Dea madre era Diana.
Entrando momentaneamente nell'ottica di un popolo terrorizzato dalle storie sul demonio e sui terrificanti poteri donati ai suoi seguaci in cambio della loro anima, possiamo ben comprendere il terrore che queste persone provassero per ogni pratica che per un qualsiasi motivo uscisse dai canoni del “normale e dell’abitudinario”.
L’inquisizione, in quegli anni, condannò a morte moltissime donne accusandole di stregoneria e di pratiche demoniache, innocenti fanciulle venivano torturate e seviziate fino all’estorsione di confessioni false e dettate solo dall'atroce sofferenza. Non solo Donne e uomini appartenenti all’antica religione, ma ogni persona che per un qualche motivo veniva additata come strega subiva la stessa terribile sorte.


Ai nostri giorni l’antica religione esiste ancora, certo risente molto delle influenze dei secoli trascorsi e della moderna cultura ma conserva ancora moltissimi dei suoi tratti distintivi.


La Wicca è un culto neo pagano fondato da Gerald Gardner, sebbene si conosca molto di questa religione dai tratti altamente esoterici, sembra che esistano dei tratti mantenuti segreti e riservati solo agli iniziati alla stessa, nessun novizio può ritenersi Wicca a tutti gli effetti senza aver avuto una vera iniziazione mistica.


Attualmente esistono libri che descrivono rituali di auto-iniziazione, sono contraddizioni alle antiche regole specificate dal fondatore Gerald Gardner ed al più possono essere viste come auto dichiarazioni di appartenenza ad una certa filosofia di pensiero. L’iniziazione vera e propria resta un rituale complesso e deve essere compiuto solo alla presenza di un alto sacerdote o di un alta sacerdotessa.


Le donne e gli uomini appartenenti alla religione in questione, altri non sono che gli odierni stregoni e le odierne streghe, ovviamente i termini hanno abbandonato ogni significato dispregiativo.
La morale di questa religione può essere riassunta in una sorta di comandamento principale, quasi un motto, che recita: « Fai ciò che vuoi purché tu non faccia del male a nessuno. », si capisce dunque che a differenza di quello che molti potrebbero pensare, questa nuova arte della strega non ha nulla a che vedere con omicidi rituali ed altre atrocità descritte in epoca medioevale.



Anche le odierne streghe, magari non brutte e bitorzolute come l'immaginario le vorrebbe, utilizzerebbero ancora calderone, candele, erbe magiche ed altri utensili rituali, proprio come succedeva centinaia di anni fa, oggetti legati a particolari simbolismi esoterici ed energie ancestrali.

Articolo di Mario Contino
Copyright, vietata ogni riproduzione non autorizzata

2 commenti:

Lasia un commento