Psicocinesi

La psicocinesi, letteralmente "muovere con la mente" , nota anche come telecinesi, è la facoltà di presunta origine paranormale per la quale un essere vivente sarebbe in grado di interagire con la realtà e l'ambiente in cui è immerso e che lo circonda. Più nello specifico, chi sostiene di possedere doti telecinetiche, dichiara di avere la facoltà di muovere, a proprio piacimento, oggetti inanimati, facendo uso di facoltà psichiche non concepibili dalla scienza ordinaria ed in violazione di alcuni pilastri della fisica classica.
Ho parlato di scienza ordinaria e fisica classica, ciò perché la scienza è da anni divisa tra professori che sostengono la possibilità di tali fenomeni ed altri che si impegnano costantemente a dimostrare l'impossibilità degli stessi.

Il termine Telecinesi, coniato inizialmente nel 1890 per classificare tali fenomeni, significava originariamente e per derivazione: Movimento a Distanza.
Tale definizione è stata sostituita grazie all'utilizzo del termine Psicocinesi, utilizzato per la prima volta nel 1914:
Psico: Anima
Cinesi: Movimento.

Personalmente preferisco il secondo termine, muovere con l'anima, questo più si avvicina al concetto di anima indipendente dal corpo materiale e, in particolari condizioni, in grado di utilizzare parte delle sue vere possibilità, interagendo con l'ambiente al di la degli strumenti che il corpo materiale gli mette a disposizione. Tale concezione, puramente personale, vede il corpo come indispensabile mezzo per testare alcune sensazioni che risulterebbero impercettibili all'anima in essere.
Per meglio spiegare questo concetto posso fare il seguente esempio:
Corpo ed anima si completano, il corpo senza anima non sarebbe in grado di valutare le sensazioni ricevute dai suoi organi sensoriali, l'anima non sarebbe in grado di provare e percepire tali sensazioni, mi riferisco a dolore, gioia, amore ecc..
L'anima è da considerarsi puro spirito, questo viene, per sua volontà o meno, incarnato in un corpo, essendo il corpo materiale, quest'ultimo limita le facoltà dell'anima.
Anche in questo caso urge un esempio:
Se accendo una candela, la fiamma produce luce e calore. Se racchiudo questa fiamma in involucri materiali, sia la luce che il calore emessi risulterebbero attenuati.
Più spesso e grezzo sarà il recipiente, tanto minore sarà l'influenza della fiammella con la realtà esterna al recipiente stesso, ma in cui è comunque immersa.
Se per qualche motivo, questa fiammella venisse alimentata a sufficienza, il suo calore potrebbe fuoriuscire e irradiare all'esterno del corpo, interagendo in prima persona con la realtà esterna.
Spero di aver ben reso il concetto che ho voluto esprimere poc'anzi, scusandomi se ciò non è avvenuto.

I fenomeni di Psicocinesi potrebbero essere suddivisi in 2 grandi categorie:
Macro-Psicocinesi: Inerente a fenomeni verificabili ad occhio nudo, come la levitazione ad esempio.
Micro-Psicocinesi: Inerente fenomeni non direttamente osservabili come ad esempio l'alterazione del campo elettromagnetico in un determinato punto.

Tra i fenomeni ritenuti possibili grazie all'utilizzo di queste facoltà psichiche, possiamo citare i seguenti:
Aerocinesi facoltà di controllare il movimento dell'aria.
Idrocinesi, facoltà di creare e controllare il movimento dell'acqua.
Pirocinesi, facoltà di creare e controllare il fuoco.
Deformazione di metalli
Auto guarigione
Magnetismo ecc..
Inutile elencare ogni possibile fenomeno collegato alla psicocinesi, anche perché non è da escludere che alcuni di essi siano ancora ignoti a tutti eccetto che a chi può utilizzarli.

In precedenza abbiamo definito tali capacità come di natura puramente personale, doti provenienti dall'utilizzatore stesso, esiste però un altra possibilità
Secondo alcune interpretazioni, tali fenomeni potrebbero essere la conseguenza dell'azione di entità spiritiche che interagirebbero sull'ambiente tramite le energie e le facoltà di un medium.
Il medium potrebbe essere consapevole o meno delle sue facoltà e nella seconda delle ipotesi i fenomeni che si riscontrerebbero potrebbero rappresentare un pericolo per il medium stesso e per gli altri.

L'intera faccenda non è da prendere con leggerezza, partendo dall'ipotesi che tali fenomeni siano reali e possibili, perché alcuni uomini riuscirebbero ad utilizzarli ed altri no?

Questa domanda mi ha da sempre incuriosito e potrebbe essere ricollegata a molte altre teorie in ambito “paranormale, tralasciando le più fantasiose, che comunque non mi sento di escludere a priori, sarei portato a credere ad abilità comuni a tutti gli uomini ma latenti, attivate forse grazie a traumi fisici o psichici.
Dico ciò in quanto molte di queste facoltà sembrerebbero risvegliarsi a seguito di incidenti con conseguente stato comatoso, o a seguito di forti situazioni di paura o gioia.

Secondo molti studiosi le capacità psichiche potrebbero essere risvegliate in tutti, basterebbe praticare il giusto tipo di esercizio mentale ed allenarsi a lungo. A tal proposito potremmo utilizzare l'esempio dell'uccello in gabbia:
Un volatile nato in cattività, vissuto per anni in una piccola gabbia, ha tutte le carte in regola e le capacità per spiccare il volo, spesso però non è in grado di farlo ed occorre una lunga riabilitazione.


I miei dubbi e le mie curiosità su questo argomento restano vive, spero di aver suscitato anche il vostro interesse.

Articolo di Mario Contino
Copyright, vietata ogni riproduzione non autorizzata

Commenti