Questo Blob non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Le immagini inserite in questo Forum sono tratte in massima parte da Internet, così come alcuni articoli. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarcelo e saranno subito rimossi.

REGOLE PER OTTENERE LA RECENSIONE DEL TUO LIBRO SU QUESTO BLOG

mercoledì 23 aprile 2014

Il "misterioso" Castel del Monte.

Ho sempre sentito parlare del famoso Castel del Monte, sito nel territorio di Andria, nell'affascinante e misteriosa Puglia.

Qualche giorno fa, approfittando delle festività pasquali, mi sono recato presso il sito sopracitato, da curioso turista, senza pregiudizi e con tanta voglia di capire il perchè delle mille voci che interessano quella che è definita come la dimora in cui, Federico II, sogiornava durante le lunghe battute di caccia.

Messomi in viaggio, con piacevole compagnia a seguito, ho subito notato che la vegetazione andava via via facendosi più folta e rigogliosa man mano che il navigatore satellitare ci indicava il raggiungimento prossimo della meta.

Casualità?
Non credo molto nel caso, ma ho preferito archiviare questo particolare per non influenzare un mio eventuale successivo giudizio.

Dopo circa 20 minuti di viaggio, eccolo li, maestoso, solo, quasi in contamplazione sul paesaggio verdeggiante di cui sembra eterno custode, Castel del Monte.
Un ottagono stupendo e sugestivo, posizionato su un altura, privo di fossati o altre strutture che possano far pensare allo stesso come fortezza o presidio militare.
Dotato di 8 torri, anchesse ottagonali, un gioiellino riconosciuto come Patrimonio Mondiale dell'Umanita dall'UNESCO, nel 1996.

Come già accennato, è convinzione comune che questo castello fosse la dimora in cui Federico II dimorasse durante le battute di caccia, stà di fatto che la sua struttura, negli anni, ha convinto molti studiosi che ben altre funzioni avrebbe dovuto rivestire la struttura, funzioni che forse continua a svolgere tutt'ora.

Partiamo con l'accennare qualcosa sull'ottagono, figura geometrica alla base dell'architettura di Castel del Monte.

L'ottagono risente dei significati esoterici simbolici collegati al numero 8, rappresenta il doppio quaternario e nell'insieme, l'equilibrio delle energie cosmiche.
È anche una figura associata all'acqua ed agli antichi riti di fertilità riconducibili alla Grande madre, tradizionalmente legata al pianeta Venere, quest'ultimo compie il suo ciclo di fasi in 8 nostri anni.
Considerandolo come rappresentazione geometrica del numero 8, assume il significato di infinitò, lo stesso rappresentato dal segno 8 disposto in maniera orizzontale.

Prendendo in esame solo quanto detto pocanzi, possiamo notare alcune importanti chiavi di lettura:
  • Infinito;
  • Fertilità;
  • Equilibrio di energie cosmiche.
Siamo sempre convinti che questo fantastico esempio di architettura umana, sia solo la dimora del sovrano durante il periodo delle battute di caccia?

Secondo alcune ipotesi, Federico II aveva ottime conoscenze esoteriche, consapevolezze che lo spinsero a volere l'edificio ottagonale, forse ampliando un tempio preesistente, anch'esso su base ottagonale.

In relazione a quanto su detto, si ipotizza che l'intero edificio fungeva come base per particolari pratiche alchemiche, forse per raccogliere, in determinati momenti dell'anno, dell'acqua molto particolare e pura, carica di energie ancestrali.
È infatti noto che l'acqua, allo stato aereiforme, si innalza verso il cielo per caricarsi delle energie dell'Etere, energie cosmiche. Successivamente ricade sulla terra per arricchire il suolo di tali energie.

Altre ipotesi, vogliono il castello quale osservatorio astronomico, o ancora come tempio in cui celebrare particolari riti esoterico-iniziatici.

Bisogna ricordare che da tempi immemori l'uomo si è avvalso delle sue capacità extrasensoriali o le sue conoscenze esoteriche, per individuare zone del pianeta che avessero delle speciali caratteristiche energetiche.
Questa ricerca diventava scrupolosa quando l'intento era quello di costruire un tempio, un luogo sacro nel quale avere un contatto ravvicinato e forte con la divinità.

La rabdomanzia, ad esempio, era un arte che permetteva all'iniziato di individuare corsi d'acqua sotterranei e stabilire i livelli energetici posseduti dagli stessi.
Questi fiumi antichi e nascosti, incanalavano le energie e permettevano alle stesse di estendersi in ogni parte del pianeta, ovviamente le zone che sorgevano al di sopra degli stessi, risentivano di più dell'azione energetica.
Occorre dare anche qualche accenno sulle “linee Sincroniche”, grandi flussi di energia in grado di catalizzare le forze presenti nel cosmo, possono scorrere al di sopra o al di sotto della superficie terrestre e, secondo alcuni, influenzano anche il nostro DNA, in maniera ad oggi sconosciuta e non provata.

In questi particolari luoghi sorgono, sin dagli arbori della storia, impotanti monumenti ed edifici sacri, quest'ultimi avrebbero lo scopo di amplificare il livello energetico prodotto durante determinati rituali e, forse, entrare in relazione con altri luoghi costruiti sulle stesse basi strutturali ed architettoniche, sfruttando le energie naturali del suolo.
Proprio grazia a queste energie, ben incanalate per via di particolari strutture architettoniche, sarebbe possibile una sorta di collegamento tra cielo e terra, tra terreno e Divino.

Abbiamo dunque intuito che l'acqua svolge un ruolo particolare, essa e conduttrice di energia e gli uomini, o per lo meno uomini istruiti in tal senso, hanno presto imparato a sfruttare tali forze.

Cosa centra in tutto questo Castel del Monte?

Secondo alcuni, questo castello sorgerebbe proprio i un punto di “massima energia”, su una famosa “linea sincronica” che collegherebbe anche la Piramide di Giza e Chartres.

Personalmente non so a quale ipotesi dare più importanza, so solo che all'interno dello stesso si è immersi in una pace surreale, una piacevole sensazione di serenita pervade il corpo ed i cattivi pensieri quotidiani sembrano non poter venire a galla.

Castel del monte merita veramente l'attributo di “Luogo misterioso”.

Articolo di: Contino Mario
Copyright, vietata ogni riproduzione non autorizzata 

lunedì 7 aprile 2014

Magia... Questa sconosciuta.

Magia, una parola in grado di evocare mille pensieri, collegata ad un epoca lontana, quasi dimenticata.

Oggi giorno la magia è confusa con l'arte illusoria di prestigiatori più o meno bravi, capaci di intrattenere i bambini con giochi affascinanti che nulla hanno a che vedere con ciò che è l'operato del “mago”.
Ho voglia di chiarire un po' le idee in merito a ciò che è realmente la magia, lo farò cercando di essere più chiaro possibile, mi scuso se non dovessi riuscire in questo, per me importante, intento.

Il termine Magia indica un azione cosciente, da parte di un officiante definito mago, atta a modificare la realtà che ci circonda.
Ciò avviene grazie alle conoscenze superiori delle leggi che governano l'universo, il mago, cosciente del modo in cui la natura opera la creazione, si intromette per indirizzare quest'ultima secondo la sua volontà.

Un esempio pratico posso farlo servendomi dell'esempio del programmatore:
Il computer potrebbe essere paragonato all'universo;
Tutto ciò che avviene al suo interno, potremmo paragonarlo alla realtà da noi percepita.
Un programmatore, conoscendo il linguaggio di programmazione, si intromette per modificare un dato programma (realtà) in relazione alla sua volontà.

Occorre fare una distinzione tra “magia” e “stregoneria”, tra mago e sciamano (o stregone).

Lo sciamano è colui che fa da tramite tra la nostra dimensione e quella spiritica, spesso ne è addirittura succube.
Egli è in contatto con una dimensione differente, tanto da non poter essere facilmente descritta per mezzo delle nostre capacità percettive e cognitive, proprio per tale motivo, la descrizione di questa a seguito di trance, risulta fantasiosa e poco realistica.
Lo sciamano può operare modifiche sulla realtà circostante, non per suo mezzo ma per opera di entità spiritiche alle quali può chiedere supporto.

Il mago opera in modo assolutamente differente.
Egli non è per forza di cose un sensitivo, non deve necessariamente stringere degli accordi con esseri spiritici appartenenti a differenti dimensioni.
Il mago è più che altro uno studioso, uno scenziato alternativo se vogliamo.
Egli impone la sua volontà sulla natura grazie a rituali precisi, energie poco conosciute dalle masse e l'uso dell processo di regressione cosmica.

Il concetto di regressione cosmica è importantissimo, solo tramite la consapevolezza di quest'ultimo, il mago, può operare per modificare la natura.
La regressione cosmica è un modo per riconnettersi alla creazionew universale, per copiare l'operato degli Dei, se vogliamo.
Secondo i primi ermetisti del mondo greco-egiziano, nel processo di creazione vi è un centro da cui si diffonde l'energia spirituale.
Man mano che questa energia si allontana dal centro, si trasforma in materia.
Il mago interviene in questo processo, un istante prima che l'energia si trauti in materia, in questo modo inserisce la sua volointà nel processo di creazione.
L'intromissione nel processo avviene tramite la ritualistica, il rituale consente al mago di uscire dal comune spazio-tempo e di entrare in uno spazio-tempo sacro, simile a quello nel quale le divinità hanno operato la grande magia della creazione.

La magia si basa, principalmnte, sulla legge della simpatia universale.
Secondo questa concezione, tutto è collegato con tutto, mediante energie sottili che legano ogni cosa.
Qualsiasi avvenimento, in qualsiasi parte del cosmo, si riperquote su ogni altra cosa esistente, con maggior impatto su ciò che risuona maggiormente con ciò che è ogetto del movimento/cambiamento.
L'uomo è tra le creazioni che più risentono del processo di risonanza, esso è da considerarsi come un microcosmo che rispecchia fedelmente il macrocosmo del creato.
Per farla breve, l'uomo sarebbe composto degli stessi elementi che costituiscono l'intero universo, gli stessi atomi.

Nella magia vi è un processo per mezzo del quale il mago si identifica con la divinità creatrice.
Proprio grazie a questa identificazione egli riuscirebbe ad intromettersi nel processo creativo e modificarlo.
In alcuni rituali, questa identificazione è abbastanza chiara e come conseguenza si ha una sostituzione, in questo momento il mago cessa di parlare del Dio e parla da Dio, sostituendosi alla divinità e quindi identificandosi in prima persona con la stessa.
Non è il mago a comandare il cambiamento ma la stessa divinità per suo mezzo.

Ricapitolando quanto detto fin ora, possiamo dunque evidenziare alcuni punti fondamentali, condizioni da soddisfare affinche la magia possa essere attuata:

  1. Gli esseri viventi dovrebbero poter trasmettere un qualche tipo di energia
  2. Deve esistere un mezzo conduttore, indispensabile per trasmettere questa energia a grande distanza
  3. L'uomo deve poter entrare in risonanza con la realtà circostante
  4. Rituali e simbologie dovrebbero aiutare ad attivare particolari energie ancestrali.

Il secondo punto è molto importante, come potrebbe il pensiero del mago, fuoriuscire e viaggiare all'esterno della sua mente?
La mente umana emette differenti radiazioi, ergo è logico pensare che tramite queste possa essere possibile esternalizzare la volontà, forse importa.
La difficoltà starebbe nell'individuare un mezzo conduttore in grado di far viaggiare questa “informazione” a grande velocita e grande distanza.
Per molti anni si è identificato questo mezzo con l'”etere”, un fluido onnipresente che collega ogni cosa nell'universo.
Con il passare degli anni e l'avvento di una scienza troppo materialista per badare a determinati aspetti, si è giunti alla conclusione che tale fluido non possa esistere.
Fortunatamente, alcuni ricercatori più attenti, come ad esempio Dayton Miller, hanno condotto studi i cui risultati confermerebbero l'esistenza di questo potente fluido universale, identificandolo in un campo energetico chiamato Orgone.
Studi più recenti hanno identificato l'etere al “campo Techionico”, composto da particelle più veloci della luce (techioni) e caratterizzato da un quadrante spazio/tempo negativo.

Non so se la scienza ufficiale accetterà mai la possibilità dell'esistenza della magia, sta di fatto che secoli di osservazioni non possono essere ignorati.

Spero di esser riuscito a descrivere, in maniera molto sintetica, quell'immenso universo che si cela dietro il termine Magia, sperro utilizzato impropriamente.

Articolo di Mario Contino
Copyright, vietata ogni riproduzione non autorizzata.