Questo Blob non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Le immagini inserite in questo Forum sono tratte in massima parte da Internet, così come alcuni articoli. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarcelo e saranno subito rimossi.

REGOLE PER OTTENERE LA RECENSIONE DEL TUO LIBRO SU QUESTO BLOG

martedì 7 luglio 2015

fuochi fatui e sfere di luce, un mistero ancora da svelare

Molti, passeggiando nei pressi di un cimitero, oppure mentre si trovano nel sacro luogo in visita ad un caro defunto, specialmente nelle serate autunnali o primaverili, hanno potuto assistere ad un fenomeno affascinante e per molti terrificante, l’apparizione di improvvise fiamme tra le lapidi sepolcrali.
Mi riferisco al fenomeno dei “fuochi fatui”, fiamme solitamente di colore bluastro dovute alla naturale combustione di gas sprigionati durante il processo di decomposizione organica, nulla di paranormale, un fenomeno assolutamente naturale che per secoli è stato ritenuto, colpa dell’ignoranza in materia, la prova dell’esistenza dell’anima umana.

L'ossidazione del fosfato e del metano, prodotto dalla decomposizione anaerobica del carbonio organico e causata dalla fuoriuscita di questi gas dal sottosuolo e dalla loro reazione chimica con l’ossigeno presente nell’atmosfera, può provocare una luce splendente dovuta a chemiluminescenza ed è la causa del fenomeno del fuoco fatuo.

Per chemiluminescenza si intende l’emissione di radiazione luminosa nell’ambiente in seguito ad una reazione chimica tra due o più reagenti, nello specifico i fuochi fatui sono freddi, non possono incendiare l’ambiente circostante o, come molti sostengono magari per nascondere atti vandalici, le foglie secche presenti tra le tombe dei cimiteri.
Non una combustione vera e propria dunque ma una reazione capace di sprigionare radiazione luminosa, meglio ribadirlo.

Con quanto detto non intendo assolutamente escludere manifestazioni spiritiche reali che similmente sarebbero visibili in particolari circostanze, di seguito cercherò di classificare, nel limite delle mie possibilità, tali presunte manifestazioni.

In Giappone, in cui il folklore è ancora alla base di tradizioni molto sentite dalla popolazione, sono moltissime le leggende che avrebbero come protagonista del presunto fenomeno spiritico, manifestazioni luminose simili a quelle prodotte dal “fuoco fatuo”.
Principalmente si parlerebbe di “fuoco di volpe”, fiamme prodotte dagli “spiriti volpe” (Kitzume), esseri astuti ed imprevedibili che rappresenterebbero più che altro un pericolo per i malcapitati di turno.
Non è un caso che la maggior parte degli spiriti Giapponesi abbiano sembianze animali, del resto si tratta di un popolo che ha a lungo vissuto in una condizione quasi simbiotica con la natura.
Questa condizione ha fatto si che nascesse un folklore basato su spiriti naturali (elementali) ed esseri che deriverebbero da animali in carne ed ossa che, superato un certo numero di anni, acquisirebbero doti paranormali assumendo caratteristiche di norma attribuite a Demoni e spiriti vari.
La volpe in particolare potrebbe vivere centinaia se non migliaia di anni e man mano acquisire poteri eccezionali, più sarebbe anziana e potente e più code avrebbe, per un massimo di 9.
I fuochi di volpe, Kitsunebi in giapponese, apparirebbero di notte come lanterne nell'oscurità.
Il loro numero crescerebbe man mano e scomparirebbero improvvisamente così come apparse.
Il loro colore varierebbe così come le loro caratteristiche, quelle di colore rosso – arancio potrebbero dar origine a veri incendi mentre quelle di colore bluastro sarebbero ritenute più nefaste, non emanerebbero calore e creerebbero un atmosfera lucubre, spesso associate all'anima del defunto (che apparirebbe con manifestazione similare in determinate circostanze) sarebbero ritenute portatrici di disgrazie e malattie.
Abbiamo poi accennato al tipo di fuoco fatuo solitamente associato alle anime dei defunti, parliamo dunque di Hitodama, sfere luminose di colore bluastro o verde scuro tendente all'azzurro, apparirebbero nei cimiteri e a differenza dei fuochi di volpe (fiammelle) queste sarebbero sfere perfette dotate di una scia luminosa simile ad una piccola coda.

In molte zone alpine italiane, è ancora diffusa la credenza che associa i fuochi fatui alle anime di persone avare che in tal modo vivrebbero la loro dannazione eterna.
In Svizzera invece si credeva, in alcune zone, che i fuochi fatui fossero spiriti portatori di malattie e pestilenze, ergo sempre un significato negativo simile a quello che in Giappone è associato alla comparsa del fuoco di volpe azzurro.

Se pensiamo alla descrizione scientifica del fuoco fatuo riportata ad inizio di questo articolo, è lecito pensare che in alcune aree rurali ricche di materiale organico in decomposizione, magari non visibile ma ben presente nel sottosuolo o in acquitrini, alle fiammelle sprigionate dalla decomposizione seguivano eventuali malattie dovute proprio a batteri provenienti dalla putrefazione organica dei corpi.
Ergo l'associazione tra le fiammelle azzurre e l'arrivo di un periodo nefasto ricco di malattie è tutt'altro che improbabile.

Del resto però non si può non tener presente di alcune peculiarità che nel folklore di tutto il mondo sono spesso attribuiti sia ai fuochi fatui classici, al di la del colore, che alle sfere luminose.
  • Danzerebbero sull'acqua con movimenti circolari, dando vita a spettacoli stupendi;
  • Si muoverebbero nei boschi tra i tronchi degli alberi, in maniera intelligente ed evitando questi ultimi, quasi nascondendosi tra loro.
  • Pur svanendo nel nulla appena avvistati da un uomo (se dovessero accorgersi di essere stati avvistati), sembrerebbe che spesso si avvicinino a questo seguendolo ad una certa distanza, quasi incuriositi.
Tali comportamenti porterebbero a credere che ci sia molto di più del semplice fenomeno fisico, che comunque potrebbe essere alla base del gran numero degli avvistamenti dei “fuochi fatui”.
Alcuni ritengono che possa trattarsi della fugace apparizione di spiriti elementali nella loro reale sembianza.

Recentemente si è associato un fenomeno molto simile alla comparsa dei famosi “cerchi nel grano”, Crop Circles in inglese”.
Secondo alcuni testimoni, i pittogrammi sarebbero creati da sfere di luce “Bool” che sorvolando velocemente il campo di cereali creerebbero il famoso Cerchio nel grano in pochi minuti, spesso secondi.
Secondo alcuni ricercatori si tratterebbe di sfere di energia dotate di un forte campo elettromagnetico, probabilmente fenomeni plasmatici molto simili ai fulmini globulari, ciò spiegherebbe anche il particolare rilevato nel Croop Circles ritenuti autentici, ossia spighe non piegate da un azione meccanica ma da un campo elettromagnetico così intenso da procurare una specie di esplosione all'interno dello stelo.
Questa anomalia elettromagnetica sarebbe riscontrabile e misurabile strumentalmente per diverso tempo all'interno del pittogramma creato.

Nel corso dei miei studi ho cercato più volte di descrivere la similitudine tra il fenomeno “manifestazione spiritica” ed il fenomeno del fulmine globulare.
Ne deriva una somiglianza evidente in diversi fattori:
  • Capacità di attraversare la materia (tranne il metallo)
  • Capacità di apparire improvvisamente sia all'aperto che in luoghi chiusi
  • Capacità di scomparire improvvisamente lasciandosi dietro un forte odore di zolfo o ozono
Se a queste caratteristiche si associa intelligente progetto che sembrerebbe essere alla base di differenti pittogrammi nei Croop Circles , allora non è certo da escludere che tali sfere possano essere l'ennesima manifestazione spiritica descritta solo in relazione di ciò che vorremmo, ossia un fenomeno fisico controllabile e non un eventuale presenza spiritica che farebbe crollare molte delle nostre stupide certezze.
In poche parole sarebbe come il costruire l'equazione partendo dal risultato e stabilendo che la stessa debba avere determinate caratteristiche a noi note, evitando dunque di considerare fattori alternativi che potrebbero portare al medesimo risultato.
Fuochi fatui e sfere di luce...
Un mistero ancora da svelare.

Articolo di Mario Contino
Copyright, vietata ogni riproduzione non autorizzata.

Nessun commento:

Posta un commento

Lasia un commento