MEAW - Mystic energetic artwork by Stefano Donno

"Quod est inferius, est sicut quod est superius, et quod est superius, est sicut quod est inferius: ad perpetranda miracula rei unius. Le lettere di smeraldo brillano severe e illuminanti nella dimensione che trasmuta gli opposti nell’unità. Ermete Trismegisto, secondo la leggenda, ci ha donato la vera legge dell’armonia, in cui non l’antitesi domina i contrari ma il principio di analogia. L’unità è il raggiungimento dell’assoluto, nella dimensione dello spirito, dove non esiste pieno e vuoto, stasi e movimento, ma tutto è ricondotto alla suprema sintesi. La ricerca di Stefano Donno è analogica, unificazione in rivoli di conoscenza che convogliano in un unico flusso spirituale. Ogni percorso trattiene e si sostanzia nella propria individualità ma ragiona coralmente nella confluenza di un estuario, in Attraversamenti rivelatori all’incrocio del segno, dell’immagine, della luce-colore. I suoi scatti hanno la bellezza apparente e superficiale della cromìa e la serena relazione con l’astratto, risultano puri galleggiamenti di colore ma a chi ha il dono della visione, non sfugge il significato nascosto della magia: sono immagini in movimento, analogie visive ed interiori, percorsi evocativi e cinetici dove non c’è basso ne’ alto, ne’ pieno ne’ vuoto. Vacuum, il vuoto, la leggendaria runa bianca dell’attesa che accompagna il silenzio prima del logos, ha la sostanza dell’aura, l’alone dorato e impalpabile dell’aureola. Stefano Donno consegna la sua energia in visioni che liberano chi osserva nella dimensione dei personali circuiti spirituali: sono rune lanciate nella scrutatio personale, libera di verificare o negare, ma non cartesiana, nella regione mistica dello spirito.  Un mantra visivo. " Intervento di Maria Agostinacchio – Storica dell’arte

Tra i libri … Stefano Donno (1975) si laureato nel 2005 in Filosofia presso l’Università degli Studi di Lecce. Nel febbraio 2013 ha ricevuto una Laurea HC in Juridical Science presso la Moscow University Sancti Nicolai. Ha pubblicato: Sturm and Pulp (Lecce, 1998); Edoardo De Candia, considerazioni inattuali (Lecce, 1999); Se Hank avesse incontrato Anais (Lecce, 1999); Monologo (Copertino, 2001); Sliding Zone (Lecce, 2002); L’Altro Novecento – giovane letteratura salentina dal 1992 al 2004 (San Cesario, 2004); Ieratico Poietico (Nardò, 2008); Dermica per versi (Faloppio, 2009); Mendica Historia (con Sandro Ciurlia, Lecce, 2010); Corpo Mistico (Roma, 2010); Prezzario della rinomata casa del piacere (con Anna Chiriatti, Martignano, 2011); A Sud del Sud dei Santi a cura di Michelangelo Zizzi (Faloppio, 2013), Nerocavo (Copertino, 2014); Breve Commentario alla tavola Smeraldina (Lecce, 2017). Attualmente è editore de I Quaderni del Bardo Edizioni
Nell’Arte – Ha esposto i suoi lavori di energetica mistica nella XIII Giornata del Contemporaneo per AMACI ((Associazione dei Musei d'Arte Contemporanei Italiani) nell’ottobre 2017 presso Overeco Academy and Workshop di Lecce; partecipa con i suoi lavori alla collettiva d’arte contemporanea a cura di Monica Ferrarini  a Roma dal titolo “Nothing but Art” a Palazzo Velli Expò (27 settembre/3 ottobre 2017), partecipa con i suoi lavori alla collettiva d’arte contemporanea a cura di Monica Ferrarini  a Roma presso Palazzo della Cancelleria Vaticana dal titolo “Immagini s-velate”(2/6 dicembe 2017); partecipa con i suoi lavori alla collettiva d’arte contemporena “Replay/il vizio dell’errore” a Giarre in Sicilia dal 7 al 17 dicembre 2017 a cura di Benedetta Spagnuolo. E’ inserito nell’edizione 2018 del Catalogo nazionale d’arte contemporanea L’Elite 2018 Artitalia Edizioni di Roberto Perdicaro e nell’Agenda degli Artisti 2018 edito dalle edizioni Libreria Bocca di Milano




Commenti